Nasce l’osservatorio “Logistica delle Marche”

Osservatorio logistica delle MarcheANCONA – E’ stata sottoscritta tra l’Interporto e l’Università Politecnica delle Marche la convenzione per la creazione di un osservatorio logistico delle Marche. Firmatari Sauro Longhi, Rettore dell’ateneo, e Nicola Paradiso, Presidente della PLM Piattaforma Logistica delle Marche – Rete d’Imprese. Il documento rappresenta il punto di arrivo del confronto dei mesi scorsi con le autorità accademiche al fine sviluppare professionalità nel campo della logistica.

“La logistica – spiega la vicepresidente e assessore alle Infrastrutture Anna Casini – è un fattore determinante per la competitività del sistema economico-produttivo marchigiano. A questo settore dobbiamo guardare con attenzione e professionalità per prevedere le traiettorie di sviluppo nel medio-lungo termine. Le Marche, negli ultimi anni hanno risentito della crisi economica globale, ma allo stesso tempo sono in via di ultimazione importanti investimenti in infrastrutture di rete e di nodo che possono garantire nuove e interessanti opportunità sugli scenari nazionali e internazionali anche in collaborazione con il porto di Ancona, la cui Authority è stata appena confermata e ampliata. E’ quindi fondamentale che si creino da subito le migliori condizioni in tal senso, attraverso precise scelte politiche e sviluppando competenze professionali in grado di supportare il processo di cambiamento”.

Nell’Accordo dunque, le Parti “si impegnano reciprocamente, secondo le rispettive normative e per quanto di competenza di ciascuno, a promuovere, sviluppare e consolidare opportunità e iniziative di collaborazione” come:

• La creazione di un osservatorio “Logistica delle Marche”. Tale osservatorio, studiando l’evoluzione del mercato della Logistica nel territorio marchigiano, vuole essere di supporto agli operatori economici marchigiani;

• L’attuazione delle attività di ricerca applicativa di comune interesse, anche mettendo a disposizioni materiali, attrezzature, personale e risorse finanziarie;

• L’attivazione di ogni possibile iniziativa in ordine ad attività operativa scientifica e/o di formazione ritenuta congiuntamente di comune interesse nel rispettivo ambito istituzionale;

• La partecipazione congiunta a bandi e programmi di ricerca regionali, nazionali, europei e internazionali, con particolare attenzione ai Programmi Quadro della Commissione Europea;

• Consulenze tecnico-scientifiche focalizzate su temi della Logistica;

• Promozione di attività di diffusione di cultura scientifica e tecnologica sul territorio.