A Barchi di Terre Rovereshe i Musaico Folkestra con “Racconti Nomadi”

17

Il 23 agosto i Musaico Folkestra fanno un lungo viaggio dentro un pezzo della storia musicale italiana, con le canzoni scritte per i Nomadi

Musaico Trio a Terre Roveresche

BARCHI DI TERRE ROVERESCHE – “Racconti Nomadi” torna nelle Marche, domenica 23 agosto alle ore 21.30 alla Vecchia Rotonda di Barchi di Terre Roveresche (PU). Lo spettacolo che da anni i Musaico Folkestra portano in scena nei club e piazze di tutta Italia è in realtà un lungo viaggio dentro un pezzo della storia musicale italiana, in cui Marco Petrucci e Francesco Ferrandi raccontano, in una sorta di storytelling, le canzoni scritte per i Nomadi in oltre 25 di collaborazione, e reinterpretano quelle che hanno fatto la storia della band emiliana.

In occasione del concerto di Barchi, organizzato dalla S.S. Sangiorgese e con ingresso gratuito, Petrucci e Ferrandi si avvarranno del contributo di Daniela Corradini che, con il suo violino, impreziosirà questo percorso dentro il mondo nomade.

Lo spettacolo, interamente in acustico, è un viaggio temporale all’interno della musica dei Nomadi, dove ai brani storici della band si alternano tutti quelli scritti da Petrucci per i Nomadi (L’eredità, 32° parallelo, Qui, Le Strade, Anni di Frontiera, Mediterraneo, In favelas, Johnny,
Chiamami, sino alle più recenti Decadanza, Ti porto a vivere, Calimocho, Io sarò, firmate in
coppia con Francesco Ferrandi e presenti nell’ultimo album Nomadi Dentro, per arrivare a Fuori la paura, il brano scritto da Ferrandi e Petrucci durante il lock down ed interpretato dai Nomadi e Paolo Belli, i cui fondi sono destinati all’Ospedale di Reggio Emilia).

Uno spettacolo nel quale atmosfere intime e momenti di ironia si fondono sapientemente, tra racconti, aneddoti e canzoni, accompagnando per oltre due ore gli spettatori in un viaggio dentro un pezzo di musica italiana.