Mostre: Luca Bidoli e Giuseppe Biguzzi in ‘Alterità’ a Cupra Marittima

53
Mostre: Luca Bidoli e Giuseppe Biguzzi in 'Alterità' a Cupra Marittima
Mostre: Luca Bidoli e Giuseppe Biguzzi in ‘Alterità’ a Cupra Marittima

CUPRA MARITTIMA – La Galleria Marconi di Cupra Marittima domenica 15 gennaio alle 18 presenta Alterità, doppia personale, a cura di Valentina Falcioni, che propone le opere di Luca BidoliGiuseppe Biguzzi. La mostra è organizzata da Galleria Marconi e Marche Centro d’Arte.

Alterità è il secondo appuntamento della rassegna Di versi diversi?, che accompagnerà la Galleria Marconi durante la stagione espositiva 2016/2017. La Galleria Marconi si trova in c.so Vittorio Emanuele II n. 70 a Cupra Marittima. Alterità potrà essere visitata fino all’11 febbraio con i seguenti orari: lunedì–sabato 16.30-19.30.

Presentando Alterità, la curatrice Valentina Falcioni ha scritto: «Per molti sociologi l’alterità è una risorsa attraverso la quale è possibile giungere alla conoscenza della realtà pura e obiettiva. Nel proprio percorso umano va abbinata alla tolleranza, la quale non deve essere considerata solo un corretto codice di comportamento poiché è innanzitutto un mezzo di comprensione libero e integrale. Accettare tutto ciò che è difforme da quello che per consuetudine viene considerato normale, è il primo passo verso una lucida consapevolezza antropologica. La diversità, di fatto, è il tratto comune d’appartenenza al genere umano. Le opere pittoriche di Luca Bidoli (Gorizia, 1967) e Giuseppe Biguzzi (Ravenna, 1968) evocano proprio questo concetto».

«Il mio lavoro si concentra sulle convenzioni», ha spiegato l’artista friulano, «su quanto è stabilito per norma comune e spesso viene scambiato per verità oggettiva. Questa in molti casi entra in contrasto con il mio sentire più profondo e soggettivo». In effetti, gli ultimi lavori di Luca raccontano proprio il suo disagio etico quando entra in relazione con tutte quelle religioni che si prefissano l’obiettivo di unificare la morale e il comportamento, mostrando insofferenza verso tutto ciò che vola al di sopra di quei dogmi istituiti non da Dio, ma dall’uomo.

L’artista ravennate, invece, è un sensibile interprete del realismo sociale. Attraverso l’arida figura di Romina polarizza l’attenzione dell’osservatore sul disagio procurato da un insistente quanto globale tentativo di omologazione estetica. I dipinti di Giuseppe sembrano citare le parole della filosofa Michela Marzano: «Nel voler incarnare la perfezione, il corpo femminile è diventato un campo di battaglia su cui ci si accanisce senza tregua come se, per la donna, l’unica possibilità di esistere fosse quella di incarnare la perfezione».