“Sul filo dell’arte”, la mostra di Gesine Arps a Urbino

68

Dal 21 maggio al 30 giugno 2022, presso la Galleria d’Arte Albani oltre 30 opere tra quadri e sculture dell’artista tedesca in esposizione; l’inaugurazione si terrà sabato 21 maggio

URBINO – Dal 21 maggio al 30 giugno 2022 a Urbino si terrà la personale “Sul filo dell’arte”, che Gesine Arps dedica  alla città con cui ha un legame profondo.L’artista tedesca arriva ad Urbino e conquisterà gallerie e collezionisti di tutto il mondo con i suoi grandi dipinti che richiamano le atmosfere di Marc Chagall, Jean Dubuffet, Paul Klee e della Transavanguardia.

L’esposizione, organizzata su invito dell’associazione culturale “Vivere con l’arte”, è ospitata nella Galleria d’Arte Albani, suggestivo spazio espositivo recentemente riqualificato e destinato a galleria civica della città di Urbino.

“Sul filo dell’arte” di Gesine Arps che presenta oltre 30 opere tra quadri e sculture, di piccole e grandi dimensioni, sarà visitabile a ingresso libero.

Una principessa vichinga arriva ad Urbino

“Principessa vichinga che arriva ad Urbino” è il titolo di una delle opere presenti alla mostra “Sul filo dell’arte”, un quadro che racconta il profondo legame tra Gesine Arps e Urbino. «Nel 1986 arrivai ad Urbino provenendo da Hannover, la mia città. Fu per me sconvolgente. – racconta Gesine Arps – Hannover era una città totalmente moderna, senza quasi più tracce della sua storia, come del resto gran parte delle città tedesche ricostruite dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. I muri di Urbino invece, intatti, raccontavano ancora la sua storia così antica. Dovevo restare qualche giorno… restai quasi sette anni. Il mio rapporto con Urbino fu di amore, quasi fisico. Quando tornavo in Germania, la notte la sognavo. Sono passati più di trent’anni, quel legame non si è più sciolto e questa mostra, le mie opere tra le sue mura, è un po’ per dire grazie a questa città».

Sul filo dell’arte

Gesine Arps ha ricevuto molti riconoscimenti sia in Italia che all’estero ed il suo lavoro rappresenta un ponte fra due culture artistiche europee di profondo e autorevole spessore: nata e cresciuta in Germania, ha vissuto gli anni della formazione artistica in Italia. I suoi grandi dipinti spaziano dalle reminiscenze senesi alle dichiarate ascendenze rinascimentali e urbinati fino alla tradizione espressionista e postimpressionista, alle arti primitive e ai graffitisti metropolitani.

L’arte di Gesine Arps è istintiva, primordiale. Le sue opere toccano l’anima ed esaltano la fantasia attraverso immagini oniriche e mondi ideali; figure di sogno e archetipi i cui contorni però sono chiari e netti, racchiusi da una linea di colore: il filo di Gesine. Un filo che raccoglie e contiene un mondo, ma che alle volte come in una magia esce dal quadro per confondersi con la realtà.

«Il filo di Gesine è anche quello di Arianna – spiega la critica Silvia Cuppini – che ci permette di dare forma ai fantasmi che si presentano nel labirinto della nostra mente, non altro, forse, che il punto di arrivo della metamorfosi di antichi miti depositati nella memoria».

GESINE ARPS / SUL FILO DELL’ARTE
testo critico a cura di Silvia Cuppini

dal 21 maggio al 30 giugno 2022
Galleria d’Arte Albani
via Mazzini, 9 – Urbino

Apertura:

martedì 16.30-19.30

da mercoledì a sabato 10.00-12.30 / 16.30-19.30
domenica 16.30-19.30

Ingresso libero