I volontari di Mondo libero dalla droga fanno tappa ad Ancona

12

mondo libero dalla droga

Il 17 ottobre ad Ancona i volontari di Mondo libero della droga hanno distribuito opuscoli per informare sulle conseguenze delle droghe

ANCONA – Sabato 17 ottobre i volontari di Mondo libero dalla droga hanno raggiunto il capoluogo della Regione, distribuendo nel corso della mattinata ben 600 opuscoli riguardo ‘La verità sulla droga’, per informare sulle terribili conseguenze delle droghe e sostanze psicotrope.

È interessante osservare che nonostante un 2020 rallentato e pieno di limitazioni, lo spaccio alla droga continua. E così, se una dose può creare uno schiavo, una semplice informazione, seppur vera, può liberarlo responsabilizzando la vittima a decidere di smettere per riiniziare a vivere.

‘Le droghe distruggono’ come ben affermò l’Umanitario L. Ron Hubbard, che nella sua lunga ricerca in ambito umanitario e scientifico aveva avuto a che fare con moltitudini di persone in ogni angolo del mondo, tra cui ragazzi, e scrisse un’ampia dissertazione sul problema già negli anni ’70.

Dall’epoca la diffusione delle droghe è diventata sempre più diffusa, in più forme e aggressività. Oggi siamo arrivati a scoprire che droghe come la “Crocrodile”, la droga del coccodrillo, o addirittura il Fentanyl, che negli Stati Uniti viene venduto in farmacia; ha il potere di recidere il sistema nervoso al punto tale che l’individuo viene letteralmente consumato dall’alta acidità corrosiva con cui queste droghe sono composte.

Visto il numero di vittime, l’atrocità e la diffusione della droga nella società, i volontari si domandano: ” come mai non emergono decreti, come quelli per ridurre il contagio del Covid19, che individuino e isolino gli spacciatori? Intanto continuiamo con la prevenzione, che si è dimostrata di vitale importanza in una situazione come questa.” Durante le distribuzioni i volontari hanno notato che i ragazzi apprezzano la verità sulla droga e spesso condividono le informazioni o gli opuscoli con gli amici, proprio per sfatare il mito della droga che aleggia tra i giovani come la panacea di ogni male.

E’ probabilmente l’elemento più funzionale, che permetterebbe di pensare con la propria testa e di isolare coloro che la vendono, consapevoli di vendere morte.