“Marchestorie”, dal 2 al 19 settembre 2021 il festival dei Borghi

81

La prima edizione del festival dei Borghi prevede tanti spettacoli e iniziative nei piccoli comuni marchigiani.A luglio e agosto andrà in scena una anteprima “Marchestorie Show”

ANCONA – Si svolgerà dal 2 al 19 settembre 2021 la prima edizione del festival dei Borghi “Marchestorie”,presentato giovedì scorso dal presidente della Regione Marche e dall’assessore regionale alla Cultura Giorgia Latini  all’Abbadia di Fiastra. Presenti alla conferenza , tra gli altri, il direttore della Fondazione Marche Cultura Ivan Antognozzi e il direttore di Amat Gilberto Santini. Il progetto è lanciato  della Regione Marche in collaborazione con Amat e Fondazione Marche Cultura.Nel frattempo a  luglio e agosto andrà in scena una anteprima :“MArCHESTORIE Show”. Previsti sei spettacoli  che racconteranno  storie e bellezza dei borghi al fine di  attrarre verso loro i tanti ,marchigiani e turisti,  nel periodo centrale dell’estate.

“Sarà una festa per tutto il bellissimo patrimonio delle Marche, per i nostri borghi a cui stiamo dedicando una grande azione di rilancio e di valorizzazione – così il presidente Acquarolicon la consapevolezza che i borghi, i centri storici, le loro storie e le loro tradizioni possono essere un grande valore aggiunto non solo al settore del turismo. Il nostro territorio è caratterizzato da piccoli insediamenti che hanno una storia millenaria e sono scrigni di bellezze da scoprire. Tra le iniziative che la Regione sta mettendo in campo c’è appunto MArCHESTORIE, che si inserisce nella legge di valorizzazione dei borghi e di cui oggi abbiamo presentato la prima edizione. È un evento che ha una visione particolare, specifica e identitaria del nostro territorio con l’obiettivo di rilancio commerciale, urbanistico, sociale e turistico. Occorre ripartire dalla rete dei borghi, dei centri storici e valorizzarli come contenitori e contenuti in tutte le loro sfaccettature: l’artigianato, la manifattura, il turismo. Questa prima edizione coinvolge ben 56 Comuni e ci dimostra la voglia di rilancio e di essere protagonisti di tutti i territori della nostra regione, a partire dai borghi delle aree interne e dell’area colpita dal sisma. C’è sicuramente tanto lavoro da fare ma queste prime e importanti risposte ci confermano che c’è molto entusiasmo e grande interesse e siamo sulla direzione giusta”.

“Aspettavamo da tanto tempo questo appuntamento – ha sottolineato Latini il Festival è la prima azione concreta che mette in luce le bellezze culturali dei territori attraverso una visione di valorizzazione dei borghi storici che coinvolge 850 operatori dello spettacolo dopo un periodo difficile per tutto il settore. La Regione funge da cabina di regia per tanti registi del territorio. In questo modo si attua una comunicazione efficace capace di raggiungere potenziali turisti e di dare un segnale di rinascita alle Marche. C’è stata una notevole sinergia con il Governo nazionale e con i Comuni e questa, ancora una volta, è la conferma che quando si lavora in squadra, come in Marchestorie, si possono realizzare valide iniziative come questa che sicuramente avranno successo”.

Soddisfatto Antognozzi indicando che “il Piano nazionale di ripresa e resilienza individua i borghi come il motore di uno sviluppo sostenibile e la Regione Marche ha anticipato i tempi attraverso una proposta di legge che riconosce la rivalutazione e la valorizzazione dei borghi”, mentre per Santini“l’Amat ha compiuto un’operazione di ingegneria organizzativa nel realizzare un calendario di eventi in base ai progetti presentati dai 56 Comuni”.

MArCHESTORIE realizzerà spettacoli, dal giovedì alla domenica, che racconteranno episodi della tradizione del borgo e in grado di offrire forme diverse di intrattenimento attraverso visite guidate, mostre, esposizioni, dimostrazioni, ricostruzioni in costume, degustazioni e offerte di prodotti tipici, tanto in ambito enogastronomico che in quello artigianale, assieme all’insostituibile tradizione immateriale del racconto, vero cuore della manifestazione.

“MArCHESTORIE Show”

 Le piazze coinvolte saranno: 29 luglio Ascoli P.- P.za del Popolo, 18 agosto Fermo – P.za del Popolo, 22 agosto Senigallia -P.za Garibalidi, 25 agosto Macerata – P.za della Libertà, 29 agosto Fano – P.za XX Settembre e 1 settembre Civitanova Marche – Arena Varco sul Mare. Gli spettacoli che verranno presentati alterneranno momenti di racconto in video con narrazione live sul palcoscenico a momenti dal vivo con ospite sul palco una selezione dei gruppi musicali folcloristici e di rievocazione storica tra i più fedeli alle tradizioni locali. La conduzione sarà a cura di Paolo Notari, direttore artistico, con Alberto Toso Fei.