Marche, iniziata la “tre giorni” dedicata alla strategia Eusair per le infrastrutture

19

Il saluto del presidente della Regione Francesco Acquaroli che ha aperto i lavori dell’appuntamento internazionale

ANCONA – “La Macroregione Adriatico Ionica è un contesto fondamentale per la nostra Regione e per tutta un’area che deve guardare al futuro con la consapevolezza dell’importanza del confronto e della sinergia. E’ essenziale, in un’ottica di competitività globale, avere capacità di fare squadra e mettersi in rete cercando di esaltare le proprie particolarità ma anche superando i confini regionali. E’ necessario lavorare insieme sugli asset strategici sia per quanto riguarda le infrastrutture materiali e immateriali, sia dal punto di vista culturale, perché l’incontro e la collaborazione sono fondamentali per costruire un percorso condiviso da tutti i soggetti che aderiscono a questa strategia e coglierne le grandi opportunità in termini di realizzazioni e risorse. Le infrastrutture in particolare sono un aspetto assolutamente prioritario per l’impatto che hanno sull’economia dei territori e gli interscambi commerciali soprattutto in questo periodo così complicato segnato dalla pandemia. E’ importante che la capacità produttiva delle singole Regioni possa beneficiare di una interlocuzione comune per la realizzazione di una piattaforma di servizi utile a tutti. Riteniamo quindi la Strategia Eusair essenziale per renderci protagonisti in Europa e nel mondo e la Regione Marche aderisce con convinzione” . Questo il saluto del presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli che ha aperto questa mattina i lavori del webinar “Eusair strategy for infrastructure” con esperti stranieri e italiani e rappresentanti del MIT e del Mise. Un appuntamento internazionale, che proseguirà anche domani e giovedì, molto rilevante per la Regione Marche che da sempre si è adoperata per la costruzione della Strategia Adriatico Ionica partita proprio con la Dichiarazione di Ancona sottoscritta nel 2000 e che oggi è in grado di presentare progetti concreti in grado di catturare risorse europee. Attualmente la Regione Marche coordina il Gruppo di lavoro EUSAIR-Italia e il pilastro della Strategia che si occupa di Ricerca Innovazione e Sviluppo PMI (Info su Strategia Eusair: https://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Fondi-Europei-e-Attivit%C3%A0-Internazionale/Macroregione-adriatico-ionica.

Il webinar di oggi in particolare, ha analizzato i grandi scenari di cambiamento geo-politici ed economici di quest’area con riferimento al ruolo centrale delle reti infrastrutturali, digitali e di energia, dei trasporti e della logistica per arrivare alla loro ricaduta sui territori e su come i lavori del pilastro 2 Trasporti ed Energia della Strategia possano impattare su tutto questo, anche nella prospettiva della nuova Programmazione UE 2021-2027.

Domani 16 dicembre invece sarà la volta del workshop “Adrioncycletour: il progetto integrato per la ciclovia Adriatico Ionica” organizzato con la Regione Friuli Venezia Giulia ed il Pilastro 2 sottogruppo Trasporti. Si tratta di un progetto “flagship” (prioritario) che intende sviluppare una ciclovia lungo tutta la costa del bacio Adriatico Ionico dalla Magna Grecia italiana, la Sicilia, alla Grecia e all’isola di Creta con collegamenti sempre ciclabili anche verso le principali aree interne dei Paesi Eusair.

Venerdì 17 dicembre la tre giorni si concluderà con il webinar “Connettività a Covid 19: la crisi come fattore di trasformazione digitale e acceleratore innovativo”.