Macerata, ritratto di padre Matteo Ricci: presentazione del restauro

23

MACERATA – Il seicentesco ritratto di padre Matteo Ricci custodito nei Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi torna a splendere grazie a un intervento di restauro con un progetto che vede insieme Comune di Macerata, Macerata Musei e Rotary Club “Matteo Ricci” di Macerata, che ha sostenuto il restauro per un importo di 1.800 euro. In occasione del ritorno in mostra dell’opera, il 14 febbraio, alle 17.30, a Palazzo Buonaccorsi si terrà un’iniziativa, cui è invitata tutta la cittadinanza, con una lectio del professor Filippo Mignini, studioso del gesuita cui si deve la pubblicazione e la traduzione di molte opere inedite ed un’attività di studio e diffusione della conoscenza dell’illustre gesuita maceratese.

“L’impegno del Rotary Club Matteo Ricci, di cui ringrazio il presidente e i soci, è il segno di una città che attraverso il proprio tessuto associativo sa essere comunità e sa ritrovarsi intorno al proprio di patrimonio cultuale – commenta il sindaco Romano Carancini. – “Il recupero del ritratto di padre Matteo Ricci è l’ulteriore testimonianza di un cammino consapevole e costante della città che ha voluto riconoscersi, nei 10 anni di questa amministrazione, nei valori dell’amicizia, della conoscenza, della relazione tra mondi diversi di cui padre Matteo Ricci è esempio internazionale”.

Ricorda Stefania Monteverde assessore alla Cultura: “Questa operazione è nata nel corso di una serata in cui ho proposto a Massimiliano Fraticelli del Rotary Matteo Ricci di restaurare il ritratto bellissimo di padre Matteo Ricci rappresentato in abiti confuciani, esempio di intercultura e di amicizia tra i popoli. La risposta è stata subito favorevole e tutto il club ha sposato l’idea. È un esempio di comunità maceratese che opera insieme valorizzando il territorio, pensando all’amicizia con la Cina che continua ancora oggi e a cui va la nostra vicinanza per questi tempi così difficili.”

Andrea Cirilli, attuale Presidente del Rotary Macerata “Matteo Ricci” sottolinea con viva soddisfazione la felice collaborazione tra il Rotary ed il Comune di Macerata: “La collaborazione è cresciuta grazie a tante iniziative fatte insieme come il rifacimento dell’illuminazione del Monumento ai Caduti. Il restauro del ritratto di Padre Matteo Ricci è solamente l’ultima di una felice attività di servizio alla città portata avanti dal Club.”

Il restauro, eseguito da un’impresa del territorio “Restauri e dipinti S.a.s. di Mapia Pia Topa e C.”, ha permesso il recupero estetico del dipinto evidenziandone la lucentezza della cromia, compromessa dal tempo, e permettendo l’omogeneità di lettura dell’opera che rappresenta Matteo Ricci a figura intera, con la veste lunga dei letterati confuciani, mentre con la destra tiene un ventaglio e con la sinistra sorregge il monogramma dell’ordine, simboli dell’importante azione interculturale per il rispetto reciproco. L’opera fa parte delle collezioni civiche dedicate ai concittadini illustri e costituisce una rara e preziosa testimonianza della memoria del grande gesuita maceratese che è conosciuto in Cina come Li Madou, missionario, fondatore della moderna sinologia oltre che raffinato studioso di discipline scientifiche e letterarie. Alla presentazione, oltre al sindaco, al presidente del Rotary e all’assessore alla Cultura, interverrà anche Guliana Pascucci, curatrice dei musei civici.