Macerata, “Ombre” di Roberto Paci Dalò: la presentazione

Al Museo del Synth,oggi, presentazione del libro ispirato al  patrimonio custodito nella Galleria Nazionale dell’Umbria

MACERATA – “Ombre”, il primo libro d’artista ispirato al prezioso patrimonio custodito nella Galleria Nazionale dell’Umbria, firmato dal poliedrico artista visivo, musicista e regista Roberto Paci Dalò edito dalla Quodlibet verrà presentato oggi,giovedì 24 ottobre, alle ore 17 alla galleria degli Antichi Forni nell’ambito della seconda edizione del Museo del Synth Marchigiano e Italiano in programma fino al prossimo 1° novembre a Macerata.
Alla presentazione l’autore dialogherà con l’assessore alla Cultura Stefania Monteverde ed Emilio Antinori. Il libro riproduce in anastatica il taccuino originale dell’autore, realizzato con materiali poveri come carta, inchiostro, matita, acquerello, nel corso di alcuni mesi di esplorazione tra le opere di Duccio, Piero, Perugino, Pinturicchio e tanti altri. Il libro è un’avventura scritta e disegnata viaggiando nel dettaglio per attraversare lo spazio e i tempi della Galleria e della sua collezione unica in Italia; una narrazione che talvolta si intreccia alla vita della città, facendo comparire così persone come Aldo Capitini e Gerardo Dottori.

“Gli ingredienti per un appuntamento culturale di qualità ci sono tutti – afferma l’assessore Cultura Stefania Monteverde – : un grande artista creativo, le arti, la musica, la voglia di raccontare, un libro appena uscito da una casa editrice maceratese. Mescoliamo generi per scoprire mondi mai visti”

 La presentazione si concluderà con una perfomance musicale che vedrà Roberto Paci Dalò al clarinetto ed elettronica, Paolo Bragaglia ai synth vintage italiani ed Emilio Antinori alle percussioni elettroniche..

Roberto Paci Dalò – disegnatore e artista visivo, compositore, musicista, autore e regista – guida il gruppo Giardini Pensili co-fondato nel 1985. Il suo lavoro ha ricevuto la stima e il sostegno di artisti come Aleksandr Sokurov e John Cage. Presenta il suo lavoro in giro per il mondo in musei, festival e teatri. Ha ricevuto nel 2015 il Premio Napoli per la lingua e la cultura italiana.
Membro di Internationale Heiner Müller Gesellschaft, insegna Interaction Design presso Unirsm dove ha fondato e dirige Usmaradio. Tra le sue pubblicazioni:  Filmnero  (Marsèll, 2016),  1915 The Armenian Files  (Marsèll, 2015),  Ye Shanghai  (Marsèll, 2014),  Storie di lupi e lepri  (Hde, 2009),  Millesuoni. Deleuze, Guattari e la musica elettronica  (con Emanuele Quinz, Cronopio, 2006),  Pneuma. Giardini pensili: un paesaggio sonoro  (Teatro di Monfalcone, 2005),  Many Many Voices  (Edel, 1995).