Macerata, Le Notti dell’Opera 2020: ecco il programma

43

Tre serate in zone diverse della città per i progetti vincitori del bando, le iniziative dello Sferisterio e dell’Università

MACERATA – Dopo gli eventi di Giovedì 23 luglio in corso Cavour e  in viale Martiri della Libertà, giovedì 30 luglio nel Centro storico e giovedì 6 agosto in corso Cairoli, a Macerata si svolgeranno gli  altri due appuntamenti  previsti per  Le Notti dell’Opera 2020.Gli spettacoli avranno inizio alle ore 21.00 e saranno in zone delimitate con ingresso gratuito su prenotazione sul sito, al fine di evitare assembramenti o altre attività al momento limitate dalla normativa sanitaria.La manifestazione è stata ridimensionata per rispettare le disposizioni sulla sicurezza ed ha  adottato una nuova formula che prevede di  distribuire in tre serate differenti gli eventi.

Il programma – diverso per ogni serata – ospita gli otto progetti vincitori (tre il 23 luglio, due il 30 luglio e tre il 6 agosto) del bando apposito conclusosi a giugno, sostenuto da Banco Marchigiano Credito Cooperativo Italiano che, con l’Associazione Arena Sferisterio, il Comune di Macerata e Confcommercio Marche Centrali, per il terzo anno sostiene l’iniziativa.

Ricordiamo che i progetti vincitori sono stati scelti in base a originalità, creatività, territorio di provenienza e capacità di coinvolgimento, sulla diversità di generi presentati, sulla spettacolarità: 3…2…1…Ombre in Scena di Lucrezia Giorgi, Lorenzo Sigona e Natalia Giorgi – Il Coraggio del Guelfo Bianco di Fabius Constable & Celtic Harp Orchestra – Bandiera Bianca/Ditelo alle stelle testo e regia di Federica Vicino, Musiche a cura di Francesco Marranzino – La terra un ciel sembrò del Gruppo Zefiro – Libere di andare in bianco di Quartetto F.A.T.A. (Fuoco – Acqua – Terra – Aria) – Pedala Piano di Daniele Leoni, Andrea Carri e Francesco Mantovani – Radical Chock di e con Piero Massimo Macchini e di Paolo Figri, Michele Gallucci e Matteo Berdini – Odisseo di e con Anthony Rinaldi e Antonio Troiano e con la collaborazione artistica e supporto tecnico della Compagnia La Zardella.

Accanto a questi spettacoli vincitori del bando, il Macerata Opera Festival presenta in prima assoluta Nino ovvero Don Giovanni lo scapestrato bambino ispirato all’opera ª con testo e regia di Elena Carrano, le elaborazioni musicali di Francesco Lanzillotta, scene di Les Friches in coproduzione con “Le compagnie del Cocomero” (giovedì 30 luglio a Palazzo Conventati) e un concerto lirico (giovedì 30 luglio a piazza Vittorio Veneto).

Quindi è in programma Mozart Motel. Conversazioni con Don Giovanni (giovedì 6 agosto, cortile di filosofia – via Garibaldi): spettacolo del Laboratorio teatrale UniMC diretto e coordinato da Maria Paola Scialdone, con la regia di David Quintili, Antonio Mingarelli. È un’occasione per rinnovare per il secondo anno la collaborazione fra l’Università di Macerata e il Macerata Opera Festival attraverso uno spettacolo che è frutto di un’attività di studio e workshop teatrale, legata al programma dello Sferisterio. Il laboratorio teatrale UniMC propone con Mozart Motel un viaggio alternativo all’interno del mito di Don Giovanni. Nella cornice del cortile di Filosofia del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Ateneo di Macerata rivivranno le storie, le passioni, le ossessioni del capolavoro di Da Ponte e Mozart. Gli spettatori dialogheranno attraverso un “vetro” al contempo simbolico e reale con attori che impersoneranno i personaggi dell’opera. Questo dialogo sarà un’esperienza del tutto privata, in cui ogni spettatore si confronterà direttamente con lo spettro, lontano e vivissimo, di un mito che attraversando i secoli, ci riguarda ancora tutti.

Nonostante il periodo difficile, durante la progettazione delle Notti dell’Opera 2020 si sono sviluppate nuove energie e idee fra il Festival, il Comune e i commercianti. Ad esempio, lo Sferisterio ha messo a disposizione dei negozi oltre 80 costumi di allestimenti storici del proprio archivio, per allestire le vetrine della città e creare così un museo del teatro diffuso sul territorio e composto da pezzi storici, completi di didascalia, scelti dalla responsabile della sartoria Maria Antonietta Lucarelli insieme a tutto il suo team, in base alla destinazione. I commercianti prepareranno quindi le loro vetrine usando il bianco, così come il pubblico è invitato ad indossare il colore tematico dell’anno. Nuovo invito è invece quello fatto a tutti gli abitati della città: decorare di bianco i balconi, anche semplicemente con un lenzuolo e dare così a tutti il segno del Festival in città.

Notti dell’Opera Macerata Opera Festival 2020 #biancocoraggio

Giovedì 30 luglio
CENTRO STORICO
dalle ore 21:00 ingresso gratuito su prenotazione

IL CORAGGIO DEL GUELFO BIANCO*
Piazza della Liberta ore 21:30 e 23:00
di Fabius Constable & Celtic Harp Orchestra

NINO ovvero Don Giovanni, lo scapestrato bambino
Palazzo Conventati ore 18:00 e 21:00

3… 2… 1… OMBRE IN SCENA*
Palazzo Buonaccorsi dalle ore 21:30
di Lucrezia Giorgi, Lorenzo Sigona e Natalia Giorgi

CONCERTO LIRICO
Piazza Vittorio Veneto ore 21.15 e 22:30
a cura del Macerata Opera Festival

Giovedì 6 agosto
CORSO CAIROLI
dalle ore 21:00
ingresso gratuito su prenotazione

LIBERE DI ANDARE IN BIANCO*
ore 21:15 e 22:45
di Quartetto F.A.T.A.
(Fuoco – Acqua – Terra – Aria)
Lucia Paccamiccio, Marta Montanari, Alessandra Petrini, Elisa Ercoli

PEDALA PIANO*
dalle ore 21:00
di Daniele Leoni, Andrea Carri
e Francesco Mantovani

ODISSEO* Danza acrobatica
ore 21:30 e 23.00
di e con Anthony Rinaldi e Antonio Troiano
e con la collaborazione artistica e supporto tecnico della Compagnia La Zardella

MOZART MOTEL
Conversazioni con Don Giovanni
Cortile di Filosofia, via Garibaldi 20
dalle ore 21:00 repliche continue ingresso gratuito su prenotazione
Spettacolo del Laboratorio teatrale UniMC
regia David Quintili, Antonio Mingarelli
testi e attori Gruppo teatrale UniMC
direzione e coordinamento scientifico del laboratorio teatrale e coro UniMC Maria Paola Scialdone

*Spettacoli vincitori del bando realizzato con il sostegno di Banco Marchigiano Credito Cooperativo (che, con l’Associazione Arena Sferisterio, il Comune di Macerata e Confcommercio Marche Centrali, per il terzo anno sostiene l’iniziativa) danno vita alle Notti dell’Opera 2020.

Celtic Harp Orchestra intraprende la strada della Sostenibilità

In relazione allo spettacolo del 30 luglio sottolineiamo che elementi caratterizzanti sono la passione fluviale di Fabius Constable, compositore, polistrumentista e leader della Celtic Harp Orchestra fin dalla sua fondazione e l’energia dei suoi musicisti. Insieme presenteranno un programma ricco e inedito sull’onda delle vibrazioni di centinaia di corde, con una versione nuova, magica e incredibilmente innovativa dell’arpa.
Da ormai vent’anni attenti agli aspetti sociali più diversificati ( case di riposo, hospice, centri per  il recupero dalle dipendenze, istituti per la riabilitazione di sordo-muti, carceri, ospedali ecc.. ), ai tanti punti di forza degli spettacoli della Celtic Harp Orchestra si aggiunge, da quest’anno, l’aspetto ecosostenibile.

E con coraggio, questa straordinaria orchestra fiore all’occhiello delle eccellenze italiane sempre in prima fila nell’intraprendere strade nuove, fa proprie le parole chiave per ripartire nel segno della qualità, immersività e sostenibilità.
– Qualità, per il tipo di programma musicale che si vuole offrire: a 360° e “dinamico” in grado di essere tessuto ad hoc per il tipo di evento/concerto/spettacolo che si vuole realizzare;
– Immersività, perché il pubblico del Terzo Millennio è un pubblico sempre più attento ed esigente, a cui non basta essere spettatore, ma che desidera partecipare di un’esperienza unica.
– Sostenibilità: per ogni evento organizzato un team composto da biologi, guardie ecologiche e volontari valuterà l’impatto ambientale di ciascun singolo evento. Il costo in CO2 verrà non solo risarcito, ma ribassato ulteriormente tramite progetti di piantumazione e rimboschimento.