Macerata, Museo del Synth Marchigiano e Italiano: la seconda edizione

Dal 18 ottobre agli Antichi Forni l’iniziativa  finalizzata a valorizzare e diffondere la conoscenza di un settore della cultura industriale nazionale rimasto a lungo nell’ombra

MACERATA – Il 18 ottobre, nella Galleria degli Antichi Forni, alle 18, si inaugurerà la seconda edizione del Museo del Synth Marchigiano e Italiano “Dal transistor al microprocessore: la computer music italiana”, un’iniziativa unica nel suo genere, che nasce per valorizzare e diffondere la conoscenza di un’importante settore della cultura industriale nazionale rimasto per lungo tempo nell’ombra.
Saranno esposte decine di strumenti elettronici vintage italiani: sintetizzatori, tastiere, organi e batterie elettroniche di tutti i più rilevanti marchi italiani – che erano al 90 per cento dislocati nelle Marche – che sarà possibile ascoltare e provare tutti i giorni di apertura della mostra.

L’iniziativa è organizzata dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Macerata e dall’associazione Acusmatiq Matme con il sostegno e il patrocinio dalla Regione Marche, il patrocinio dall’Università Politecnica delle Marche e dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Macerata. Altre collaborazioni di rilievo agli eventi sono con la Rassegna di Nuova Musica, con il festival Acusmatiq e con il gruppo di produzione teatrale C.T.R. Macerata.

“È un grande approdo l’edizione 2019, sebbene arrivi soltanto per il secondo anno, l’atmosfera è già da atteso evento di respiro nazionale – ha detto l’assessore alle Politiche giovanili Federica Curzi oggi nel corso della conferenza stampa di presentazione alla quale hanno partecipato anche Paolo Bragaglia, Riccardo Pietroni e Leonardo Gabrielli dell’associazione culturale Acusmatiq Matme -.
Dopo il sorprendente successo dell’edizione zero del 2018, è tanta l’energia e la curiosità che gli eventi in programma suscitano in addetti ai lavori e non. È proprio questo uno degli aspetti più belli del Museo del Synth marchigiano: attira tutti e fa facilmente capire che si sta parlando di un patrimonio di tutti. L’Amministrazione comunale investe con entusiasmo in questa idea, pensata e realizzata con intelligenza e insieme con semplicità, che assomiglia alla nostra città e che promette un lungo futuro.”

In mostra strumenti che hanno contribuito a fare la storia della musica, elettronica e non, e alcune rarità assolute. Il “museo” non si rivolge solo al passato, infatti sarà anche l’occasione per una ricognizione sulle produzioni attuali con la partecipazione di gran parte delle aziende attualmente attive sul territorio regionale e di quelle nazionali che fanno riferimento al distretto marchigiano, attivo anche nel fornire servizi e competenze ad ampio raggio.
Le due settimane di svolgimento si articolano anche su concerti, seminari, incontri, tavole rotonde che hanno lo scopo di promuovere la conoscenza della storia e delle realtà attualmente vive ed operanti intorno a questo mondo.

Nutritissimo il programma musicale. Il 18 ottobre giorno dell’inaugurazione si inizia con l’incontro con Patrizio Fariselli, tastierista e membro storico degli Area, per proseguire con il geniale producer Okapi, Il multiforme talento di Roberto Paci Dalò, il talento pianistico di Luca Longobardi, la chitarra del M° Gianluca Gentili e le incursioni contemporanee di Walter Prati. E anche showcase di strumenti musicali, spettacoli teatrali, Il comune denominatore di tutti gli eventi è l’utilizzo prevalente di strumenti musicali elettronici soprattutto marchigiani/italiani

Altrettanto ricco è il programma dei numerosi incontri che verteranno sulle rievocazioni di storie del distretto musicale elettronico marchigiano, toccheranno argomenti come la salvaguardia e il restauro dei vecchi strumenti, affronteranno gli aspetti del design, ieri e oggi.

Il titolo di quest’anno “Dal transistor al microprocessore: La computer music italiana” racconta del tema portante di questa edizione. E un’ intera giornata di studio con prestigiosi ospiti internazionali, il 25 ottobre, una serata di performance ed una sala espositiva saranno interamente dedicate alla MARS (Musical Audio Research Station) e all’esperienza dell’IRIS (Istituto di Ricerca per l’Industria e lo Spettacolo) un’ esperienza fondamentale per la storia dell’informatica musicale mondiale.
Info www.museodelsynth.org www.comune.macerata.it .

Il PROGRAMMA

Venerdì 18 ottobre
ore 18 – 
Taglio del nastro e apertura della II Edizione del Museo del Synth Marchigiano e Italiano.
ore 18.30
- Incontro parlato e suonato con Marcello Colò, musicista e storico collaboratore di numerose aziende del distretto musicale marchigiano.
ore 21 – 
Incontro e concerto con Patrizio Fariselli, pianista, compositore e tastierista degli Area.

Sabato 19 ottobre
L’elettronica musicale vintage, tra recupero e restauro
ore 17 – 
”Teoria e pratica del restauro dello strumento elettronico”
con i restauratori: Marco Molendi/ Andrea Manuelli e Mirco Trentin
ore 18 – 
”Oscillatori a controllo digitale: il caso del Welson Syntex”
con Elio Bellagamba – progettista Welson
ore 19 – 
Dimostrazione con Daniele Marziali dell’ unico Welson a 4 oscillatori – il WelsOne
Esibizioni :
ore 22 – 
Økapi & Simone Memè : “Opera Riparata. Tributo a Bruno Munari”.
A\V
ore 00 – 
TonyLight | live set

Domenica 20 ottobre
Uno sguardo sul presente: nuovi prodotti ed anticipazioni
ore 15 – Il Synth Italiano, showcase workshop e dimostrazioni
Presentazioni:
Fatar/Studiologic \ Ketron \ Viscount \Ik Multimedia \Soundmachines\
Psound \ Artinoise \ LepLoop
Esibizioni:
ore 19 – Crumar
ore 20 – LepLoop Ensemble

Giovedì 24 ottobre
Ore 19 Ombre Elettriche – Presentazione in performance del libro Ombre (Quodlibet, 2019) di Roberto Paci Dalò.
Roberto Paci Dalò: elettronica e clarinetto,
Paolo F. Bragaglia: synth vintage italiani;
Emilio Antinori: percussioni elettroniche

Venerdì 25 ottobre
Il centro IRIS, MARS e la computer music in Italia
con il patrocinio di AIMI (Ass. Informatica Musicale Italiana) e AESConvegno, ore 15
introducono:
Eugenio Giordani: conservatorio Rossini di Pesaro
Alberto Giordano: docente MIUR
relatori:
Giuseppe di Giugno: fisico, prof. emerito, dirigente IRCAM e IRIS
Sylviane Sapir: conservatorio Verdi di Milano, ex-ricercatrice IRIS
Walter Prati: musicista compositore performer ed utilizzatore delle MARS
in chiusura:
Panel con gli ex-dipendenti del centro di ricerca IRIS
Concerto, ore 21.15
 l programma musicale prevede l’esecuzione di brani per MARS

Sabato 26 ottobre
Il design nella storia dello strumento musicale elettronico italiano. Metodi, tecniche, prassi.
ore 17.30
- incontro Paolo Capeci, designer Korg
Carlo Jura, collaboratore Crumar
Arturo e Davide Carlini, imprenditori
Giuseppe Censori progettista e designer EKO
ore 22 – esibizione Luca Longobardi – live

Domenica 27 ottobre
Chitarre, effetti a pedale ed altre storie.
[INCONTRO]
Introduzione a cura di Gilberto Lorenzo Sereno
Ore 17:30 – 
Gary Stewart Hurst “Un progettista inglese tra la swinging London e le campagne marchigiane”.
Ore 21 – “Minimalismo Americano per chitarre marchigiane e pedali italiani.”
M. Gianluca Gentili esegue: Terry Riley e Steve Reich
in collaborazione con la Rassegna di Nuova Musica.

Giovedì 31 ottobre
Ore 21 – “NECRONOMICON: Incubi di H.P.LOVECRAFT”
Regia Marco Bragaglia con Chiara Pietroni, Antonella Gentili, Fernando Bianchini.
Sonorizzazione Leonardo Francesconi su synth marchigiani.
Una produzione: Museo del Synth con C.T.R. Macerata e Vomitoria.

Venerdì 1 novembre
Italo synth circus
ore 17 – Aneddoti, curiosità e chiacchiere sui synth di casa nostra tra tecnica e musica.
Il collettivo Macchine Nostre esplora le sonorità dei pezzi più rari e significativi del museo, tra cui :
Eko ComputeRhythm \ Crumar Compac Synth\ Elgam Carousel \ CRB Oberon \ CRB Uranus \ Crumar Spirit \ Farfisa Polychrome
”Festa di chiusura”
ore 19 – Dj Steevo B2B Seven People
ore 21 – Duscio e Andy Morello live set per campioni ritmici nostrani e modulare
H 22:00
Roberto Clementi B2b Filippo del Moro
www.museodelsynth.org