Macerata, indebita percezione reddito di cittadinanza: 17 denunciati

11

Le indagini dei Carabinieri si sono concentrate tra febbraio e marzo 2022 sul territorio provinciale; i denunciati avrebbero percepito oltre 150.000 mila euro

MACERATA – Proseguono le indagini dei Carabinieri del Comando Provinciale di Macerata finalizzate a “stanare” i cosiddetti “furbetti” del reddito di cittadinanza.

Dopo i controlli effettuati nello scorso mese di febbraio, che avevano già portato al deferimento di 16 persone, le compagnie Carabinieri di Macerata, Civitanova Marche, Tolentino e Camerino hanno effettuato in questo mese 252 controlli, al termine dei quali, sono state segnalate alla competente autorità giudiziaria 17 persone, di cui 9 straniere, quantificando in oltre 150.000 euro l’ammontare complessivo dei redditi fraudolentemente percepiti e per i quali si è attivata la procedura di recupero.

I Carabinieri di Pioraco hanno denunciato due donne italiane che avevano omesso di indicare alcuni redditi, percependo illegalmente un contributo per oltre 54.000 euro; la Stazione carabinieri di Recanati ha segnalato un cittadino marocchino pregiudicato che pur dimorando stabilmente in Francia aveva intascato indebitamente circa 4000 euro.

A Valfornace, la locale stazione Carabinieri ha deferito due donne italiane, le quali mediante false dichiarazioni reddituali avevano ottenuto il beneficio per oltre 20.000 euro; I carabinieri di Fiastra hanno inviato informativa di reato nei confronti di una donna di origini russe che aveva ottenuto indebitamente il beneficio per circa 4000 euro;

A Fiuminata, inoltre, un operaio è stato deferito per lo stesso reato per aver omesso di dichiarare la propria reale condizione lavorativa, intascando indebitamente circa 4600 euro; i Carabinieri di Serravalle del Chienti, a conclusione di indagini, hanno deferito all’autorità giudiziaria tre cittadini marocchini, i quali omettendo di indicare l’attività lavorativa svolta, avevano ottenuto il reddito di cittadinanza per complessivi 19.000 euro.

I militari di Montecassiano hanno denunciato due persone, un italiano e una donna di nazionalità nigeriana, poiché mediante false dichiarazioni avevano indebitamente percepito complessivi 13.500 euro. A Montecosaro e Montelupone i locali comandi stazione hanno inviato un’ informativa di reato nei confronti di 3 persone, due italiani e una donna ucraina, per aver percepito indebitamente circa 10.000 euro.

I Carabinieri di Tolentino hanno deferito alla Procura della Repubblica di Macerata  due coniugi albanesi per indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato, per aver intascato il contributo Cas (contributo di autonoma sistemazione) connesso agli eventi sismici del 2016, per complessivi 21.300 euro basato sulla presentazione di dichiarazioni e documentazioni mendaci, attestanti la falsa sopravvenuta inagibilità dell’abitazione di residenza del nucleo familiare.