Macerata, inaugurazione del centro d’incontro CircolaMente

35

Sabato prossimo diventerà realtà  il centro d’incontro della città amica delle persone affette da demenza

MACERATA – Taglio del nastro sabato 8 febbraio alle 16.30, in via dei Velini, 19/A, per CircolaMente, il luogo d’incontro della Città amica delle persone affette da demenza, la “piazza” del paese, voluto fortemente dall’associazione Afam Alzherimer Uniti Marche onlus.

“La realizzazione del locale, messo a disposizione dall’imprenditore Sandro Parcaroli Med Store a cui va tutta la nostra gratitudine – afferma la presidente dell’associazione Manuela Berardinelli – è stata possibile grazie alla generosità di un’intera comunità, che ringraziamo dal profondo del cuore, che ha raccolto l’appello della raccolta fondi promossa nell’autunno 2019, raggiungendo la cifra prevista per la ristrutturazione dei locali.

E’ un evento importante che attesta un cambiamento epocale di riscoperta della comunità, di un pensare al plurale, di un atteggiamento di comprensione verso le difficoltà, di attenzione alla persona, per questo vi chiediamo di essere presenti. L’augurio è che possa diventare uno stile di vita ovunque e ciò è possibile solo raccontando quanto sta avvenendo, inoltre c’è tanta necessità di dare messaggi di speranza e vicinanza”.

All‘inaugurazione sarà presente Ruth Bartlett la fondatrice e ideatrice della prima Comunità amica che interverrà sul tema “Da Ueda a Macerata: le origini e lo sviluppo delle comunità amiche delle persone con demenza”.

La città di Macerata è orgogliosa di essere stata scelta come prima ‘città amica della persona con demenza’ e ha fatto proprio il modello di ‘città amica’ – interviene l’assessore ai Servizi sociali Marika Marcolini – perché una comunità dove i forti sostengono i più deboli è un luogo dove tutti vivono meglio, in un’atmosfera di reciproca comprensione, e dove la solitudine di ogni cittadino può essere compresa e messa al centro di un’attenzione diffusa. Siamo stati fin da subito consapevoli che si tratta di un progetto importante e ambizioso che richiede un cambiamento culturale, ma Macerata si è dimostrata aperta, accogliente, capace di offrire affetto, disponibilità collaborazione e sostegno.
Un ringraziamento speciale va ad AFAM e ad ALZHEIMER UNITI ITALIA che hanno scelto Macerata e hanno creduto nella nostra città, alla famiglia Parcaroli così come e a tutti coloro che collaborano per la realizzazione di questo progetto, credendo in un mondo migliore”.

Il Comune e Alzheimer Uniti Italia, come sancito dal protocollo firmato a luglio 2019 dal sindaco di Macerata Romano Carancini e dalla presidente Manuela Beradinelli, opereranno per adeguare i percorsi cittadini e la cartellonistica negli uffici pubblici e si adopereranno per organizzare iniziative per visitare i musei e avere degli incontri cadenzati nelle biblioteche pensando a dei momenti di lettura.