Le Marche ripartono dal turismo

turismo MarcheREGIONE – Anche le Marche, così come altre regioni italiane, puntano tutto, o quasi, sul turismo. Questa scelta la si deve in parte alla fortuna di avere un territorio tanto variegato e che tanto ha da offrire: un’entroterra ricco di storia e di cultura, delle coste con un mare che regala piacevoli sorprese, o per chi già conosce il territorio, piacevoli conferme; in parte al fatto che, come si è visto negli ultimi mesi, sembra essere il comparto dell’economia più vivace.

Un trend positivo nelle Marche lo si è registrato a Pasqua dove le presenze non hanno deluso segnando un bel +7% in più rispetto allo scorso anno. A ottenere feedback positivi è l’accoglienza che in questa regione è sempre stata molto curata e di qualità. A partire dalle proposte degli hotel con più stelle, dove si può soggiornare in camere dotate di ogni comfort, come wi-fi gratuito, TV satellitare, grazie anche alle offerte mediaset premium e di altre pay TV (approfondimenti su http://www.apprendistatoprovinciaroma.it/offerte-mediaset-premium/)che hanno messo gli albergatori nelle condizioni di offrire quindi una TV variegata e ricca di programmi, fino al servizio in camera e altre piccole coccole profuse anche negli hotel a conduzione familiare o nei B&B.

Questo significa non solo diversificare l’offerta, ma andare a soddisfare anche la domanda di nicchia, quindi offrendo particolari servizi laddove non ci si possa confrontare sul piano del lusso esclusivo di altre strutture. E proprio un’offerta così diversificata farà la fortuna di questa nuova stagione estiva delle Marche. L’offerta sì, ma assieme a un rapporto qualità prezzo assolutamente equilibrato e in linea. Ma dove si prevede il maggior afflusso? Sicuramente a trainare tutto il comparto saranno ancora una volta le località di mare perché si sa, il turista italiano, così come quello straniero, vuole soprattutto vacanze rilassanti per staccare dalla routine e dallo stress quotidiano, ma senza rinunciare alle attività che si possono praticare in un soggiorno al mare, come immersioni, sport acquatici e così via.

Seguiranno le città d’arte, anche perché il patrimonio storico culturale della regione è davvero cospicuo, e le località montane dove, chi non ama il mare potrà apprezzare un paesaggio fuori dal tempo anche senza la neve, godendo di grandi spazi all’aperto, verdi distese di prati e prodotti gastronomici di eccellente qualità.