Il Festival itinerante Sipario nel Museo Pontificio Santa Casa di Loreto

6

Il concerto dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, nell’ambito del Festival Sipario, promosso da BPER Banca in collaborazione con AD Eventi è in programma domenica 22 maggio.Ingresso gratuito su prenotazione

LORETO – Domenica 22 maggio 2022 il Festival itinerante Sipario, promosso da BPER Banca in collaborazione con AD Eventi, tonerà nella Regione Marche in un’unica grande data a ingresso gratuito: un percorso immerso nell’arte per un appuntamento alla scoperta delle bellezze del Museo Pontificio Santa Casa di Loreto sulle note di Antonio Vivaldi, Johann Sebastian Bach e Alessandro Scarlatti.

Il Museo Pontificio Santa Casa, situato nel braccio occidentale del Palazzo Apostolico di Loreto, ospita opere di altissimo valore storico-artistico. Tra i manufatti da segnalare vi sono otto dipinti di Lorenzo Lotto, la serie di nove arazzi fiamminghi su cartoni di Raffaello, le maioliche di farmacia, i cartoni preparatori di Cesare Maccari per gli affreschi della cupola della Basilica.

Il violino solista di Henry Domenico Durante sarà solista accompagnato dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini, a seguire ci saranno altri momenti musicali che vedranno protagonisti Ferdinando Vietti al violoncello e Benedetta Iardella al pianoforte.

Il responsabile della Direzione Territoriale Centro Est di BPER Banca, Giuseppe Litta, commenta così l’iniziativa: “Con questo speciale appuntamento a Loreto di Festival Sipario vogliamo rendere omaggio alla musica e all’arte. Nonostante un quadro internazionale molto delicato e complesso, che provoca in tutti noi forti emozioni e preoccupazioni, crediamo che la cultura possa fare da volano per ripartire insieme. Lo facciamo interpretando fino in fondo il significato di Responsabilità sociale di impresa, convinti che sia un nostro dovere restituire alla collettività parte del valore che creiamo, investendo nella cultura e in tutti quegli ambiti che incidono in modo significativo sul benessere delle persone e sullo sviluppo dei territori in cui siamo presenti”.

Gli Artisti

Orchestra Sinfonica G. Rossini

L’Orchestra Sinfonica G. Rossini (OSR) ha doppia sede a Pesaro e a Fano, è riconosciuta dal Ministero della Cultura (MIC) e dalla Regione Marche. È ideatrice, organizzatrice ed interprete di Sinfonica 3.0, stagione sinfonica di spicco a livello nazionale. I teatri di riferimento sono il Teatro Rossini di Pesaro, il Teatro della Fortuna di Fano e repliche delle produzioni vengono proposte negli altri teatri storici della Regione Marche. Nel periodo estivo organizza: Symphony Pop Festival; I Concerti Xanitalia; Il Belcanto ritrovato.

L’OSR porge molta attenzione alla formazione. Organizza iniziative come La Scuola va a Teatro, il Festival Giovani per la Musica e il concorso Giovani in Crescendo, per cui ha ottenuto il riconoscimento di eccellenza culturale dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur).

Ha realizzato tournée in Giappone (Tokyo, Bunkamura. Kyoto, Kyoto Concert Hall), Cina (Pechino, Mei Lanfang Theatre e Beijing Concert Hall. Shenzhen, Shenzhen Concert Hall, Guangzhou, Xinghai Concert Hall. Shanghai, Shanghai Oriental Art Center), Corea del Sud, Malta, Turchia, Austria, Francia, Germania e Svezia. In Italia si è esibita in importanti teatri, Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Coccia di Novara, Teatro Verdi di Pisa, Teatro Grande di Brescia, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Dal Verme e Open Air Theatre dell’Expo, Auditorium Parco della Musica a Roma e Sala Nervi in Vaticano, Teatro delle Muse di Ancona. Ha partecipato a festival e stagioni concertistiche di grande prestigio quali Ravello Festival, Festival delle Nazioni, Sagra Musicale Malatestiana, Stagione Fondazione Donizetti, Stagione Fondazione Teatro Coccia, Festival Pergolesi Spontini. Di rilievo la collaborazione con Nicola Alaimo, Andrea Bacchetti, Andrea Battistoni, Mario Biondi, Andrea Bocelli, Stefano Bollani, Paolo Bordogna, Simonide Braconi, Michele Campanella, Roberto Cappello, Anna Maria Chiuri, Francesco Ivan Ciampa, Eddie Daniels, Mariella Devia, Enrico Dindo, Marcello Giordani, Corrado Giuffredi, Michele Mariotti, Mario Marzi, Michele Pertusi, Massimo Quarta, Marcello Rota, Corrado Rovaris, Daniele Rustioni, Giovanni Sollima, Dimitra Theodossiou, Alberto Zedda e Zubin Mehta.

Di pregio artistico la presenza per oltre 20 edizioni al Rossini Opera Festival, il ruolo di orchestra principale per il Teatro della Fortuna, l’appartenenza alla Rete Lirica delle Marche e la presenza costante nella stagione lirica del Teatro della Muse di Ancona.

Presidente e sovrintendente è il M° Saul Salucci. Direttore artistico e principale il M° Daniele Agiman.

Henry Domenico Durante, violino

Si è diplomato in violino con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di R. Donà, G. Arnaboldi e G. Monch, con cui si è perfezionato a Roma per diversi anni. Ha studiato all’Accademia dei “Solisti di Pavia” e al Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo con M. Rogliano, conseguendo la laurea biennale in violino con la votazione di 110 e lode. Presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma si è diplomato con 10 e lode con la formazione Trio Dmitrij, nel corso di perfezionamento di Musica da Camera del Maestro Carlo Fabiano. Il suo perfezionamento in violino e soprattutto in musica da camera è stato seguito inoltre da musicisti quali N. Beilina, C. Rossi, Z. Bron, E. Bagnoli, R. Galletto, l’Apple Hill Chamber Player, Pier Narciso Masi, il Trio di Parma e il Trio di Trieste. Spalla dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini di Pesaro dal 2009 e violinista del Trio Dmitrij dal 2007 (www.pianotrio.it), ha collaborato con diverse orchestre, e con i loro organici da camera, fra le quali International Chamber Orchestra di Roma, Solisti di Pavia, Solisti Aquilani, Filarmonica Marchigiana. È vincitore di diversi concorsi nazionali ed internazionali fra i quali: Moncalieri, “Archi” di Milano, “Villa Rospigliosi”, “F. Cilea” di Palmi, Arezzo e nel 1997, in duo con la sorella Francesca, concorrendo a Roma con i migliori strumentisti dei Conservatori italiani, e vincendo la borsa di studio SIAE in collaborazione con il Conservatorio “S. Cecilia”. Con l’Orchestra Sinfonica G. Rossini si è esibito numerose volte in veste di solista. La sua attività discografica comprende cd e colonne sonore, registrate con Metis Film, Milano Idyllium, MAP Classics etc, tra cui un disco dedicato alla musica da camera di F. Liszt mandato in onda su RAI Radio3 per la trasmissione “Piazza Verdi”. Insegna da 10 anni violino nella scuola pubblica, nei corsi di perfezionamento di San Biagio, Tolentino, Pizzo, Monterubbiano, Pesaro come formatore accreditato dalla Regione Marche. Ha tenuto masterclass nei Conservatori di Fermo e di Siviglia. Con la casa editrice tedesca Isuku Verlag ha pubblicato: tre volumi sulla tecnica violinistica, “L’Italiana in Algeri di G. Rossini (Sinfonia)” per orchestra d’archi, una trascrizione della Jazz Suite n.1 di Dmitrij Shostakovich per il Trio Dmitrij. Suona un violino Sebastian Klotz del 1747.
Ferdinando Vietti, violoncello

Nato a Torino nel 1982, all’età di 5 anni Ferdinando Vietti inizia lo studio del violoncello con Antonio Mosca, per proseguire con Dario Destefano, che lo porterà a laurearsi con il massimo dei voti. Con il sostegno di una borsa di studio triennale della De Sono si è diplomato alla Hochschule di Augsburg con Julius Berger. Ha seguito corsi e masterclass anche con Enrico Dindo, Vittorio Ceccanti e Johannes Goritzki. I suoi studi sono stati sostenuti anche dalla Fondazione CRT di Torino. Il suo percorso di crescita musicale si snoda attraverso le esperienze più diverse, dalla musica da camera all’orchestra e all’attività solistica, includendo anche il rock e il tango argentino. Numerosi sono i suoi successi in concorsi nazionali e internazionali, grazie ai quali ha potuto suonare con alcuni grandi musicisti in Europa e America, tra cui i solisti dei Berliner Philharmoniker, i flautisti Maxence Larrieu, Andrea Oliva e Davide Formisano, il clarinettista Milan Rericha, il fisarmonicista Richard Galliano, il Beaux Art String Trio, il Beethoven Piano Quartet.

Collabora con diverse orchestre italiane, tra cui l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Per oltre tre anni ha ricoperto l’incarico di primo violoncello solo nella OSJ Symphonic in Svizzera e fa stabilmente parte della Orquesta Tipica di Alfredo Marcucci, un gruppo musicale che fa del tradizionale Tango Argentino la propria vocazione. Svolge inoltre attività didattica presso il Conservatorio della Valle d’Aosta.

Benedetta Iardella, pianoforte

Nasce nel 1995 a Carrara dove inizia a studiare pianoforte all’età di 5 anni. Nel 2006 viene ammessa al Conservatorio “Mascagni” di Livorno dove studia per tre anni con il M° Daniel Rivera. All’età di 14 anni vince il concorso “Giovani Interpreti” ed esegue il concerto in re maggiore di J. Haydn con l’orchestra Mussinelli diretta da Piero Papini. Nel 2013 si diploma a pieni voti al Conservatorio di La Spezia e nel 2015 termina gli studi del Biennio di II Livello con il massimo dei voti e lode sotto la guida del M° Vincenzo Audino. Ha partecipato a molti concorsi nazionali e internazionali classificandosi sempre ai primi posti. Ha tenuto concerti per Lions Club, Rotary Club, Associazione Concertistica “Pina Telara”, Accademia Stefano Strata di Pisa, Fondazione Carispezia, Rassegna Excelsa Musica, Palazzo Blu. Ha Frequentato numerose masterclass tenute daGiovanni Carmassi, Giuseppe Bruno, Pietro De Maria, Marco Podestà, Daniel Rivera e Lev Frank. Parallelamente allo studio pianistico svolge l’attività di cantante, collaborando con le etichette discografiche Halidon e Sony Music. Recentemente è stata ammessa nella celebre Accademia “Incontri col Maestro” di Imola dove studia sotto la guida di Stefano Fiuzzi e Riccardo Risaliti.

Entrambi gli eventi saranno a ingresso gratuito, previa prenotazione.

I° turno ingresso ore 17.00, II° turno ingresso ore 18.00.

Prenotazioni sul sito www.sipariofestival.it

Infoline 375 6102453 info@sipariofestival.it