Ferito da Traini, 28enne condannato a 4 anni e 6 mesi

MACERATA – Uno dei nigeriani che il 3 febbraio 2018 era stato ferito da un colpo di pistola sparato da Luca Traini durante il suo raid razzista è comparso oggi in Tribunale a Macerata con l’accusa di spaccio continuato di droga, in moltissimi episodi, anche nei pressi delle scuole. Si tratta di un 28enne che già in passato aveva patteggiato una pena a un anno e 10 mesi di reclusione per resistenza a pubblico ufficiale.

Per gli episodi di spaccio il pm aveva chiesto la sua condanna a sei anni e otto mesi. Il giudice Enrico Pannaggi gli ha inflitto una condanna a quattro anni e sei mesi con rimpatrio immediato appena scontata la pena. Ricoverato in ospedale dopo la sparatoria, il nigeriano si era allontanato più volte, tanto che i medici avevano dovuto lanciare un appello perché tornasse a curarsi.