Fano, 37 famiglie inviteranno a pranzo 37 migranti

FANO – La proposta lanciata dalla ong fanese L’Africa Chiama è stata accolta da 37 famiglie che domenica 30 settembre ospiteranno, a casa propria, altrettanti richiedenti asilo che vivono nelle strutture di accoglienza del nostro territorio. Sarà un’occasione per entrambe le parti di conoscersi e di scambiarsi il racconto della propria storia.

“Questi ragazzi, tutti con storie molto travagliate, avranno la possibilità – afferma Italo Nannini, presidente de L’Africa Chiama – di entrare per la prima volta in una casa italiana e di vivere, almeno per un giorno, la vicinanza di persone aperte all’accoglienza e all’integrazione”. Nella conoscenza reciproca potranno svanire i diffusi sentimenti di paura e di ostilità verso il “diverso” per colore della pelle, lingua, cultura e religione.

Luogo dell’incontro è il piazzale di Via Giustizia (vicino al cimitero centrale), dove le famiglie invitanti condurranno i giovani migranti verso casa propria per il pranzo. Nel pomeriggio, alle ore 16, tutti insieme si ritroveranno in Piazza XX Settembre, per la Festa di apertura della Settimana Africana Regionale (XXI ed.ne) animata dai percussionisti del gruppo Crazy Djembe che per l’occasione daranno la possibilità anche ai bambini di mettersi alla prova con le percussioni africane.

L’evento prosegue poi alle ore 21 presso la Rocca Malatestiana con la proiezione del film Wallay del regista Goldblat (Burkina Faso) ed a seguire il dibattito con il griot Mouctar Ladji Dao dell’associazione “Djelikan. La voce dei griot.”

La Settimana Africana sarà scandita da convegni, eventi sportivi, laboratori per bambini, rappresentazioni teatrali, presentazioni di libri e si concluderà sabato 6 ottobre, alle ore 16, con la consegna del Premio “Ho L’Africa nel cuore” al sindacalista camerunense YVAN SAGNET e con la NOTTE NERA nei giardini di Piazza Amiani che prevede artisti di strada, mercatini, street food e concerti di Marumba e Lion D.