Enrico Brignano in “Ma..diamoci del tu” a Fermo

97

Il 22 e 23 ottobre 2023 al Teatro dell’Aquila lo spettacolo che ha riscosso grande successo con oltre trenta date sold out

FERMO – Dopo il grande successo di un travolgente tour che ha girato tutta Italia in inverno con oltre trenta date interamente sold out, proseguito anche in primavera e in estate, Enrico Brignano annuncia nuove date autunnali e invernali di “MA… DIAMOCI DEL TU!”, lo spettacolo scritto con Manuela D’Angelo e la collaborazione ai testi di Alessio Parenti, con le musiche originali di Andrea Perrozzi e prodotto da Vivo Concerti.

I biglietti sono già disponibili online su www.vivoconcerti.com  e in tutti i punti vendita autorizzati da domani, martedì 19 settembre 2023 alle ore 11:00.

Rispetto alle date già annunciate a Milano, Napoli, Torino e Firenze, si aggiungono nuovi appuntamenti di “MA… DIAMOCI DEL TU!” a Fermo (22 e 23 ottobre 2023 al Teatro dell’Aquila), Varese (31 ottobre 2023 al Teatro Open Job Metis), Sanremo (IM) (7 e 8 novembre 2023 al Teatro Ariston), Brescia (10 e 11 novembre 2023 al Gran Teatro Morato), San Marino (17 e 18 novembre 2023 al Teatro Nuovo), La Spezia (20 e 21 novembre 2023 al Teatro Civico), Trieste (5 e 6 dicembre 2023 al Teatro Politeama Rossetti), Assisi (PG) (11, 12 e 13 dicembre 2023 al Teatro Lyrik), Roma (dal 19 al 23 e dal 29 al 31 dicembre, e dal 2 al 7 e dal 9 al 17 gennaio all’Auditorium Conciliazione) e Padova (26 e 27 gennaio 2023 al Gran Teatro Geox).

Enrico Brignano racconta così “MA… DIAMOCI DEL TU”: «Darsi del tu oggi è ormai la prassi, mentre il “lei” sembra qualcosa di arcaico e formale. Per dire, quando ti chiamano dal call center per discutere che so, la tariffa telefonica, oppure per proporti di investire l’eredità di pora nonna in criptovalute, usano il lei, probabilmente per renderti più difficile il mandarli a quel paese. Il “Lei” è burocratico, lo si usa con le forze dell’ordine o al comune, ma del resto il “tu” che lo sta sostituendo è vuoto, non porta con sé quella confidenza vera, quella familiarità che intendo io.

E’ per questo che comincio questo spettacolo dando del tu al mio pubblico: per creare una confidenza che sia non di forma, ma di sostanza. E che io sia un uomo di sostanza si dovrebbe capire già solo guardandomi; voglio aggiungerci pure quel MA che resetta tutto, che azzera le distanze, che siano sociali, economiche o d’età. L’età… ultimamente ho notato che per colpa della mia età sempre più persone tendono a darmi del lei, un lei che è doloroso come una fitta della sciatica, che è più fastidioso e irritante di quando mi scopro a tirarmi su dal divano esclamando: “hoplà”. Mi sa che all’espressione “giovane comico romano” devo cominciare a togliere il “giovane”.

Siccome poi sono in vena di confidenze, nel mio spettacolo mi concedo di parlare di aspetti inediti della mia professione e di una storia personale che poi assurge a paradigma un po’ per tutti… sì, perché per la prima volta ho deciso di raccontare le delusioni, le false partenze, tutti i NO che ho collezionato nella mia vita professionale – e non. Certo sempre con un sorriso, mai prendendomi sul serio, ma sottolineando come tutto serva nella vita, anche un rifiuto ci può fortificare e renderci quel che siamo oggi. Coadiuvato sul palco dal maestro Andrea Perrozzi, io parlo; con la collaborazione di due presenze “moleste” ma preziosissime, Pasquale Bertucci e Michele Marra, io intanto continuo a parlare. Quando poi mi lasciano da solo sul palco, parlo ancora. Ebbene sì, c’ho tanto da parla’. E qualche volta anche da lamentarmi. “Ma lei Brignano non sa che lamentarsi è tipico delle persone anziane?”; “Certo che lo so. Ma intanto lei, coso… mi dia del tu!».

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

Per tutte le info di biglietteria: www.vivoconcerti.com