Macerata, Daniela Meschini presenta “Abitare le vie della memoria”

14

Il 30 agosto presentazione del volume nato per non dimenticare il sacrificio di chi ha dato la vita per proiettare l’Italia nella democrazia

Abitare_Memoria-1

MACERATA – Domenica 30 agosto alle ore 18:00 nel cortile di Palazzo Conventati a Macerata sarà presentato il volume Abitare le vie della Memoria. Storie di libertà camminando per la città di Macerata, curato dalla prof.ssa Daniela Meschini per non dimenticare il sacrificio di chi ha dato la vita per proiettare l’Italia nella democrazia. L’iniziativa è dell’Azione Cattolica diocesana e dell’ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra), con il patrocinio del Comune e della Provincia di Macerata.

“Siamo abituati a vivere Macerata camminando tra vicoli, strade, piazze citandone i nomi. Di certo non pensiamo che dietro a quei nomi ci siano persone che hanno attraversato il nostro tempo e alcune anche le nostre stesse strade, così è per la via dove abitiamo, così per i luoghi che frequentiamo. La nostra vita è sempre di più ‘un treno in corsa’, come ci ricorda un bellissimo quadro di Ivo Pannaggi, ed è sempre più difficile ‘camminare’ per riflettere, conoscere”: scrive l’autrice nell’introduzione al libro.

L’incontro di domenica sarà occasione per scoprire le tante figure significative di questo momento fondamentale della nostra storia, con l’autrice che dialogherà con lo scrittore Jonathan Arpetti. La partecipazione è libera ma con prenotazione obbligatoria al numero 3356881977, l’accesso sarà consentito con l’uso della mascherina e il rispetto delle misure di distanziamento previste dalla legge.

L’iniziativa era stata pensata, fin dallo scorso mese di marzo, come proposta di trekking urbano in diverse zone significative della città di Macerata, con testimonianze e visite alla scoperta dei protagonisti della resistenza nel nostro territorio a 75 anni dalla liberazione, ma l’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19 ha costretto a rinviare l’evento.
La presentazione è un’occasione per riaffermare il valore della democrazia e un invito a riscoprire i luoghi della città dedicati ai testimoni per la libertà. – spiegano i promotori – Il percorso di formazione che ogni anno l’Azione Cattolica diocesana propone agli aderenti vuole sempre essere anche stimolo culturale e azione di sensibilizzazione della comunità civile sui temi dell’accoglienza, della solidarietà, della democrazia e del bene comune, con un’attenzione particolare a promuovere sinergie con altre realtà, impegnate nella vita cittadina.
Per questo si è voluta coniugare la riflessione sul tema dell’abitare da credenti la città con i valori della libertà e della democrazia attraverso un percorso di riscoperta dei luoghi di Macerata dedicati al ricordo dei testimoni per la libertà, il quale sarà effettuato appena lo permetteranno le norme anti Covid.

La resistenza nel Maceratese non fu solo armata, ma soprattutto civile, grazie anche all’apporto dato dalle donne e dai sacerdoti, che si sacrificarono per cercare di salvare i parrocchiani e spesso provarono ad intercedere per partigiani arrestati e avviati alla fucilazione. Durante il periodo furono uccisi 1279 soci e 202 sacerdoti assistenti; 112 furono insigniti della Medaglia d’Oro al Valore, la maggior parte dei quali provenienti dall’Azione Cattolica.”

Ricordando di essere debitori a queste persone che sacrificarono la propria vita per gli altri l’autrice sottolinea il significato del libro: “Questo lavoro vuole essere un piccolo contributo alla conoscenza dei luoghi in cui viviamo, che ogni giorno attraversiamo e che profumano di radici e di storie di uomini e donne e della loro vita donata”.