Corridonia, il primo marzo 2024 va in scena “Mattei. Petrolio e fango”

17

Al Teatro Velluti lo spettacolo con Giorgio Felicetti scritto con Francesco Niccolini e interpretato con Valentina Bonafoni

CORRIDONIA (MC) – Venerdì, primo marzo 2024, alle ore 21.15, al Teatro Velluti di Corridonia Giorgio Felicetti  porterà in scena in scena “Mattei. Petrolio e fango”, scritto con Francesco Niccolini e interpretato con Valentina Bonafoni. Lo spettacolo è frutto di una lunga ricerca fatta su testimonianze dirette e su atti e documenti di indagine sulla ricostruzione degli ultimi giorni di vita e sul giorno della morte del Presidente dell’ENI.

In un presente in piena crisi energetica, Mattei torna, a quindici anni dal debutto, di sconvolgente attualità.

Felicetti pone interrogativi irrisolti  e accompagna lo spettatore in un viaggio verso le zone buie della storia recente del nostro paese, alla ricerca di quella giustizia annegata nel fango.
MATTEI è storia di petrolio. MATTEI è storia di giustizia annegata nel fango. MATTEI è la storia di una stella di fuoco che cade il 27 ottobre 1962 a Bascapé. Mi piacciono le figure umane paradigma del presente, e sia “l’Adriano operaio” protagonista del mio precedente lavoro, e ancor di più l’Enrico Mattei condottiero d’impresa, sono due facce simbolo della stessa medaglia: la storia del lavoro italiano. MATTEI è la storia di un ragazzino nato e vissuto nelle Marche, che ben presto parte per Milano a cercare il futuro, qui fonda un’industria chimica e inizia a frequentare gli ambienti politici democristiani, partecipa alla Resistenza, nel dopoguerra fa rinascere l’Agip e fonda l’Eni, rivoluziona la politica energetica nazionale ed internazionale, fino a diventare “l’italiano più importante dopo Giulio Cesare”. (Felicetti)