Coronavirus, Marche: aggiornamenti del 18 luglio 2020

32

Tre casi positivi registrati nel percorso nuove diagnosi su 542 tamponi processati.Il numero di dimessi o guariti sale a 5670.Nessun decesso

ANCONA – Oggi, sabato 18 luglio  2020, i  risultati delle analisi delle ultime 24 ore nella regione Marche sono i seguenti: 3 casi positivi su un totale di 542 tamponi, nel percorso nuove diagnosi.

Lo si apprende dal bollettino  diramato dal Gruppo Operativo Regionale per le Emergenze Sanitarie (Gores)  che  fornisce  i dati del Covid 19  ed ha precisato: “Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 1008 tamponi: 542 nel percorso nuove diagnosi e 466 nel percorso guariti. Tre casi positivi registrati: uno in provincia di Pesaro Urbino, uno in provincia di Ancona e uno in provincia di Fermo.”

Il Gores ha inoltre trasmesso il 14 luglio  la relazione relativa al percorso di screening dell’Hotel House: sono stati effettuati in totale 1024 tamponi e l’indagine ha rilevato i seguenti casi distribuiti su tre tempi diagnostici:

1) Fase di pre-screening con data referto tampone dal 9 al 17 giugno
6 PERSONE POSITIVE COVID-19

2) Fase di screening Hotel House con data referto tampone dal 18 giugno al 7 luglio
15 PERSONE POSITIVE COVID-19

3) Fase di re-test e percorso guarigione dal 3 luglio
7 PERSONE GUARITE (con doppio tampone negativo consecutivo) sul totale complessivo di 21 persone rilevate COVID-19 positive.

In tutto dall’inizio dell’epidemia sono 6800 le persone colpite dal Coronavirus nelle Marche  su 92445 campioni testati totali.

L’8 giugno è partita ufficialmente  la sperimentazione nelle Marche di App Immuni.

Dal 17 giugno 2020 è attiva la  piattaforma 210, relativa  alla manovra da 210 milioni di euro della Regione Marche a favore di imprese e famiglie nel post emergenza Coronavirus. Si possono caricare on line le domande per ricevere i contributi a fondo perduto stanziati dalla Regione  nella Misura 1, riservata alle imprese e agli operatori del turismo.

Sul canale Telegram della Regione Marche sono fornite tutte le informazioni e istruzioni in tempo reale, con una modalità agile e veloce .Cercando le notizie con il titolo “Piattaforma 210” si possono conoscere i tempi di apertura della piattaforma per le diverse misure, gli importi, i beneficiari e le modalità di presentazione delle domande.

Aggiornamento Gores ore 12.00

Il numero di dimessi o guariti sale a 5670

Andiamo ad analizzare il bollettino che  il Gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie ha fornito  ,oggi 18 luglio 2020,a metà giornata, sui dati relativi alla situazione dei contagi e dei ricoveri nelle Marche .

5670 (ieri 5667) il numero di persone guarite o dimesse dagli ospedali marchigiani  nell’ambito dell’emergenza Coronavirus.

sono i  ricoverati ( ieri  4) ,di cui 1 in terapia intensiva   ( come ieri   ) ,zero in semi-intensiva  (  come ieri  ) ,zero area post-acute  ( come ieri ) ; i pazienti  in reparti non intensivi sono 2 ( ieri 3).

I casi riscontrati positivi ai test sono 6812  su 93195 casi diagnosticati,  di cui 152  isolati in casa.I casi totali comprendono anche i positivi allo screening Hotel House.

Le persone  isolate in casa per contatti con persone positive al Covid-19  sono 618 (61 con sintomi e 557 asintomatici) .In isolamento in casa 19 operatori sanitari.

Del totale dei casi positivi 1880 si riferiscono alla provincia di Ancona, 2768 a quella di Pesaro-Urbino ,1158  alla provincia di Macerata, 475  a quella di Fermo, 294 a quella di Ascoli Piceno .Il servizio sanitario regionale delle Marche segue anche 237 casi fuori regione.

Il grafico sulla distribuzione dei casi positivi per Provincia

Aggiornamento Gores ore 18.00 sui decessi

Il Gores ha comunicato che, nelle ultime 24 ore, nelle Marche non si sono verificati decessi.
Le   morti correlate al Coronavirus dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono  987 così ripartite nelle varie province:

523 persone erano domiciliate nella Provincia di Pesaro-Urbino,214 in quella di Ancona, 164 in quella di Macerata, 65 in quella di Fermo ,13 in quella di Ascoli Piceno e 8 erano residenti in altre regioni.

L’età media dei deceduti è di 80,5 anni; il 94,9% soffriva di patologie preesistenti.