Coronavirus Marche, dati del 16 maggio 2020: altri 23 casi positivi

64

Sale a  6642 il numero dei  campioni totali positivi al Coronavirus.Il grafico sull’andamento dei contagi giornalieri

ANCONA  – Il  bollettino  diramato dal Gruppo Operativo Regionale per le Emergenze Sanitarie (Gores)  ci fornisce  i dati del Covid 19 nella regione Marche di oggi,sabato 16 maggio 2020.

I  risultati delle analisi sui tamponi effettuate nelle ultime 24 ore   sono i seguenti: su 991 campioni analizzati 23 risultano positivi con una incidenza del 2,32 di positivi rispetto a quelli giornalieri testati.Ricordiamo che ieri l’incidenza era stata del 2,04 %.

In tutto dall’inizio dell’epidemia sono 6642 le persone colpite dal Coronavirus nelle Marche  su 54804 campioni testati.

Nella fase 2 di gestione della pandemia si allarga la platea delle persone sottoposte a tampone, per garantire il contenimento nel momento delle riaperture, con un capillare controllo, oltre che dei casi positivi, dei loro familiari e contatti anche se asintomatici (Gores).

Dopo il brusco  aumento  dei contagi del 4 maggio per altro motivato dal fatto che tale dato relativo ai tamponi raggruppava casi del 29, del 30 aprile, dell’1 e del 2 maggio, i valori degli ultimi giorni  rientrano nell’ottica del rallentamento della curva epidemiologica. Dal 18 aprile infatti  gli incrementi giornalieri oscillano dall’1% al 6% segno che il contagio sta perdendo vigore. Altri segnali significativi  di una tendenza positiva vengono  dal numero di dimessi/guariti che cresce di giorno in giorno e dal calo di terapie intensive e nuovi ricoveri.Siamo sulla strada giusta,ma bisogna continuare a rispettare regole e restrizioni affinché si possano avere risultati sempre più confortanti.

Il grafico sull’andamento dei contagi giornalieri nelle Marche nel periodo 4 marzo – 16 maggio 2020.

Si ricorda che è attivo il Numero Verde 800 936 677 della Regione Marche per informazioni sull’emergenza Covid-19.

Nel corso di una videoconferenza stampa del 13 maggio è stato reso noto  che nelle Marche prenderà il via  la sperimentazione della terapia al plasma anti Covid-19, che utilizza il plasma da donatori guariti da Covid 19 come cura precoce per pazienti con polmoniti da Sars Cov2.

Il protocollo di attuazione si chiama Tsunami (Trasfusion of convalescent plasma for early treatment of pneumonia due to Sars Cov2) ed è stato approvato dal Comitato etico nella seduta del 12 maggio 2020.

Le Marche partecipano a uno studio multicentrico che ha come capofila la Regione Toscana e che coinvolge anche la Campania, il Lazio, l’Umbria e la Sanità militare. I Poli di reclutamento marchigiano coprono l’intero territorio marchigiano: saranno il Servizio di Medicina trasfusionale di Ancona, di Pesaro e di Fermo, perché qui sono agganciate le unità operative di Malattie infettive. Per agevolare i candidati donatori sarà possibile recarsi anche in uno dei dodici servizi trasfusionali regionali per un prearruolamento e successivo invio degli idonei ai tre Poli di riferimento.

La Giunta Regionale, nella riunione del 15 maggio 2020, ha approvato il Rendiconto 2019 e a seguire le “Misure straordinarie ed urgenti per l’economia, il lavoro ed il welfare connesse alla emergenza epidemiologica da Covid 19 per la ripartenza della Regione Marche”.

Si tratta di una manovra straordinaria, che stanzia risorse per complessivi € 201 milioni.

Lunedì 18 maggio ufficializzata la riapertura delle attività produttive: decreto della Regione

Con il decreto n. 152 del 15 maggio 2020 la Regione ha ufficializzato la riapertura delle attività produttive per lunedì 18 maggio.

Riaprono dunque nelle Marche le attività di:

• Somministrazione di alimenti e bevande (bar e ristoranti) svolte anche da parte di attività artigianali (come ad esempio pizzerie, rosticcerie, friggitorie, pasticcerie, gelaterie, pizzerie al taglio);

• Commercio su aree Pubbliche (mercati, fiere, posteggi, commercio itinerante);

• Commercio al dettaglio in sede fissa (negozi)

• Acconciatore, estetista, centro benessere;

• Tatuatore e piercing;

• Sgombero cantine e solai

Il decreto, che subordina la riapertura al rispetto dei protocolli per la sicurezza sanitaria, è stato trasmesso alle Prefetture, ai sindaci dei Comuni marchigiani, alla Camera di commercio delle Marche e alle segreterie regionali dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e alle Associazioni di categoria, dei consumatori e a quelle della cooperazione per la massima diffusione e applicazione.

Aggiornamento Gores ore 12.00

Il numero di dimessi o guariti sale a 3003

Andiamo ad analizzare il bollettino che  il Gruppo operativo regionale per le emergenze sanitarie ha fornito  ,oggi,16 maggio 2020,a metà giornata, sui dati relativi alla situazione dei contagi e dei ricoveri nelle Marche .

Sale  a 3003 (ieri 2847)  il numero di persone guarite o dimesse dagli ospedali marchigiani, nelle ultime 24 ore, nell’ambito dell’emergenza Coronavirus.

171  sono i  ricoverati (ieri erano 196) ,di cui 17 in terapia intensiva (ieri 18) ,47 in semi-intensiva (ieri  54) ,area post-acute 52 (ieri 55); i pazienti  in reparti non intensivi sono 55 (ieri 69).

I casi riscontrati positivi ai test sono 6642 su 54804 casi diagnosticati,  di cui 2486 isolati in casa.

Le persone  isolate in casa per contatti con persone positive al Covid-19  sono 5027 (2096 con sintomi e 2931 asintomatici) .In isolamento in casa 660 operatori sanitari.

Del totale dei casi positivi 1853 (1840 ieri)   si riferiscono alla provincia di Ancona,2727(ieri 2723) a quella di Pesaro-Urbino , 1092 (ieri 1087) alla provincia di Macerata, 455 come ieri a quella di Fermo, 289 (ieri 288) a quella di Ascoli Piceno .Il servizio sanitario regionale delle Marche segue anche 226 ( come ieri ) casi fuori regione.

La provincia di Pesaro Urbino continua ad essere la più colpita dall’inizio del contagio . La  provincia di Ascoli Piceno si dimostra invece in assoluto la meno colpita di tutta la regione Marche.La provincia di Fermo da sette giorni non ha nuovi casi positivi.

Il grafico sulla distribuzione dei casi positivi per Provincia ad oggi 16 maggio

Aggiornamento Gores ore 18.00 sui decessi

Il Gores ha comunicato che le persone decedute nelle ultime 24 ore nelle Marche  sono 2, un uomo e una donna,  che soffrivano di malattie pregresse .

Le  morti correlate al Coronavirus sono  984 dall’inizio dell’emergenza sanitaria: 521 persone erano domiciliate nella Provincia di Pesaro-Urbino,214 in quella di Ancona, 162 in quella di Macerata, 66 in quella di Fermo ,13 in quella di Ascoli Piceno e 8 erano residenti in altre regioni.

L’età media dei deceduti è di 80,5 anni;il 94,8% soffriva di patologie preesistenti.