Corinaldo, prende forma il progetto del Parco delle Biodiversità

7

Un’opera pubblica ideata dal Comune con la collaborazione della cooperativa HORT e dell’Università di Bologna

parco biodiversità marche

CORINALDO – BIO.MA (Parco delle biodiversità Marche) è un progetto ideato dal Comune di Corinaldo con la collaborazione della cooperativa HORT e dell’Università di Bologna.

«Un’opera pubblica di grande valore -la presentazione del sindaco di Corinaldo Matteo Principi- Da mesi stiamo lavorando a questo progetto che piano piano si sta concretizzando: un’aula a cielo aperto lungo il fiume Cesano all’interno della pineta di Madonna del Piano, accanto al Molino Patregnani. Continuiamo a investire sui nostri ragazzi e a trasmettere loro quei valori contenuti il nostro territorio e nell’ambiente tutto.»

Un progetto permanente e duraturo di rigenerazione e valorizzazione di un’area rurale con finalità ludico-ricreativo indirizzata alla comunità corinaldese, alle scolaresche di ogni ordine e grado, agli insegnanti, ai turisti e ciclo-turisti, agli appassionati di nordic-walking, orienteering e birdwatching, appassionati di flora e fauna con funzioni di didattica all’aperto, area gioco innovativa, spazio per incontri, giornate evento o semplicemente relax. Uno spazio disponibile per gran parte dei mesi scolastici.

L’area del bosco diventerà uno spazio dedicato alla didattica all’aperto e interdisciplinare, con predilezione per le scienze applicate.

I materiali per allestire l’aula potranno essere legno o materiale più durevoli (PVC, resina…).

Lo spazio didattico verrebbe delimitato con una siepe di specie autoctone per ricreare un’area raccolta e ben definita a imitazione di un’aula ma con un tetto… il cielo! Nello stesso spazio verrebbero posizionate delle installazioni in legno e pannelli didattici così da creare ulteriori elementi di attrazione e selfie point.

L’area del prato è quella che si presta ad una maggiore trasformazione in senso ludico-ricreativo: l’idea è quella di creare dei percorsi labirintici con arbusti aromatici, arbusti di piccoli frutti, etc, così da creare uno spazio artificiale ma comunque legato al contesto rurale marchigiano e permettere ai fruitori dell’area di sperimentare il piacere di percorrere un labirinto circondati da profumi, colori e insetti.

«Un percorso da portare subito avanti grazie all’appoggio dell’Istituto Comprensivo di Corinaldo e di HORT che ci aiuterà ad avvicinare le persone con lo strumento del divertimento– conclude il primo cittadino- Vogliamo dare risposte che durino nel tempo con un’aula radicata nel territorio e che sappia raccogliere sensazioni ed emozioni».