Controlli Carabinieri nel maceratese, due arresti per reati vari

Gazzella CarabinieriCIVITANOVA MARCHE – Nel primo pomeriggio di oggi, i Carabinieri della Stazione di Porto Potenza Picena, durante un controllo del territorio ed alla circolazione stradale, hanno fermato un cittadino marocchino che ha tranquillamente esibito una carta di identità italiana. Il caso ha voluto che uno dei due militari conoscesse personalmente il suo connazionale intestatario originario del documento, sul quale era invece apposta la foto del soggetto fermato, quindi, insospettiti, lo hanno accompagnato in ufficio per ulteriori approfondimenti e accertamenti. In effetti, i dubbi sono stati immediatamente sciolti dopo che il casellario centrale di identità ha restituito i suoi precedenti dattiloscopici, si trattava di A. A., classe 1980, ricercato da moltissimo tempo poiché destinatario di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Macerata nel dicembre 2012, condannato alla pena di cinque mesi e mezzo di reclusione per fatti connessi allo spaccio di stupefacenti. Il magrebino è stato quindi tradotto presso la Casa Circondariale di Fermo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sarà inoltre deferito per l’uso di documento contraffatto, sostituzione di persona e false generalità, oltre che per la sua illecita permanenza sul territorio nazionale dal quale era stato coattivamente allontanato con specifico provvedimento.

Il costante ed attento controllo del territorio ha altresì consentito stanotte ai militari della Stazione Carabinieri di Civitanova Marche Alta di rintracciare e trarre in arresto un cittadino albanese di ventisei anni, anche lui associato al carcere di Fermo poiché destinatario di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Macerata atteso che deve scontare una pena di cinque mesi ed undici giorni di reclusione quale residuo per il delitto di rapina e lesioni aggravate commesso due anni fa.