Controlli nei cantieri edili del maceratese: sospensione dei lavori e sanzioni

22

MACERATA – Proseguono i controlli nei  cantieri edili da parte del Comando Provinciale dei Carabinieri di Macerata, secondo le indicazioni recentemente impartite anche dal Comando Generale dell’Arma con l’obiettivo di abbattere il numero degli infortuni e di contrastare il fenomeno del lavoro nero.

Le ultime attività di verifica del rispetto delle normative di settore, con particolare riferimento alle condizioni di sicurezza dei lavoratori, sono state svolte dalle Compagnie Carabinieri di Civitanova Marche e di Tolentino che hanno coordinato i controlli svolti dai militari delle Stazioni di Porto Recanati, di Tolentino e Caldarola, tutti effettuati unitamente alla componente specialistica dell’arma, il Nucleo Ispettorato Lavoro di Macerata.

A Tolentino, è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria il legale rappresentante di una società di costruzioni per gravi violazioni riscontrate nel cantiere posto in essere per la ristrutturazione di una palazzina nel centro cittadino; numerose le carenze rilevate: andavano dalla mancanza dei parapetti a difesa delle aperture dei solai alla mancanza del piano di montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi. E’ stata disposta la sospensione temporanea dei lavori e sono state elevate sanzioni penali per cinquemila euro.

A Porto Recanati è stato ispezionato un cantiere in cui operavano due distinte ditte; sono state accertate violazioni in materia di piano di montaggio, uso e smontaggio dei ponteggi ed omissioni varie degli adempimenti connessi all’incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori. Complessivamente sono state elevate sanzioni per cinquemila euro e, per una delle due ditte, è scattato anche il provvedimento della sospensione dei lavori. Le posizioni dei due titolari delle società e quella del coordinatore per la sicurezza sono al vaglio dell’Autorità Giudiziaria.

Le attività di monitoraggio saranno effettuate anche nei prossimi giorni e saranno estese a tutta la provincia di Macerata, con particolare attenzione alle aree ricomprese nel cratere.