Cavo si spezza e colpisce a morte un agente marittimo, tragedia nel porto di Ancona

Porto di Ancona

ANCONA – Incidente mortale al porto di Ancona, verso le 7.20, alla banchina 23 della nuova darsena dove attraccano navi portacointainer. Un 33enne agente marittimo, Luca Rizzeri, padre di due bimbi, dipendente di un’agenzia di Ancona, è morto dopo essere stato colpito al collo da un cavo di fibra sintetica utilizzato per assicurare le navi al molo, che si è improvvisamente spezzato.

L’agente non era dunque direttamente interessato all’ormeggio della nave ma stava assistendo alle operazioni di carico/scarico della merce. Sono intervenuti i sanitari del 118 e della Croce gialla, che hanno solo potuto constatare il decesso del 33enne.

Sul posto i militari della capitaneria di porto che hanno prestato i primi soccorsi e stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente. I sindacati hanno proclamato unitariamente un’ora di sciopero nell’arco delle 24 ore da gestire a livello territoriale, di tutti i lavoratori italiani dei porti e delle agenzie marittime. Operai in sit-in martedì 11 giugno davanti all’Autorità di sistema portuale.