Cantina Fiorini sbarca sul web e apre l’e-commerce

12

Carla Fiorina nella sua azienda agricola Cantina Fiorini

I clienti avranno piena visibilità dei prodotti disponibili e potranno così acquistare online attraverso il sito dell’azienda

BARCHI, TERRE ROVERESCHE – Un nuovo progetto di wine shopping per la Cantina Fiorini che apre l’e-commerce e che lega a doppio filo il negozio digitale alle enoteche, ai negozi specializzati e all’azienda guidata da Carla Fiorini, titolare ed enologa.

I clienti avranno piena visibilità dei prodotti disponibili e potranno così acquistare online attraverso il sito web dell’azienda (fioriniwines.it/shop/).

La cantina Fiorini ha voluto portare nel nuovo e-commerce tutta la storia e il fascino della produzione enologica premiata nelle più autorevoli guide di vini italiane.

“Il nuovo progetto online – spiega Carla Fiorininasce soprattutto per esaudire le tante richieste ricevute da fuori regione. Sono sia coloro che ci seguono da sempre ma anche nuovi acquirenti interessati alla nostra produzione. In Italia la vendita di vino online non è mai decolatta, prima della pandemia era stimata attorno all’1% del fatturato del mercato nazionale. L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha modificato l’approcio all’acquisto di vino accellerando un cambiamento inevitabile e incrementando questo nuovo canale. Nasce una nuova modalità di shopping che si affermerà presto importante canale di vendita. Inoltre, abbiamo preferito creare un e-commerce nostro piuttosto che entrare in altre piattaforme insieme ad altre centinaia di vini”.

Quella di Fiorini è una storia intessuta tra i filari delle vigne, 45 ettari di proprietà (tutti a certificazione biologica), di cui 30 esclusivamente a Bianchello del Metauro Doc. Nel corso di un secolo, Fiorini ha radicato la sua identità proprio in questo vitigno dell’area settentrionale di una regione plurale anche nel nome – le Marche – e coltivato sulle colline che costeggiano il corso del fiume Metauro (da qui, Bianchello del Metauro).

La DOC

DOC piccola ma con le spalle cariche di storia (50 anni compiuti nel 2019), il Bianchello del Metauro è diventata da subito la vocazione e al tempo stesso la missione di Carla.
Vocazione, perché il Bianchello del Metauro nasce da un vitigno da sempre presente nel territorio che l’azienda ha scelto di rispettare, custodire e valorizzare. E missione perché, come il papà Valentino che volle scommettere sul suo potenziale già 40 anni fa, anche Carla ha continuato a crederci con grande passione.

PREMI E RICONOSCIMENTI

La “Guida Essenziale ai Vini d’Italia di Doctor Wine”, “I migliori 100 vini e vignaioli d’Italia” edizione 2021, guida del Corriere della Sera; la “Vini Buoni d’Italia 2021” di Touring Editore; la “Slow Wine 2021, sezione “TOP WINE – VINI QUOTIDIANI” – e il premio “The WineHunter” conferito dal Merano Wine Festival e ancora, il Tenuta Campioli 2018 Bianchello del Metauro Doc Superiore è stato menzionato tra i “100 vini per una cantina da collezionisti” da Forbes Italia.