Camerino, Università: doppia festa per la Sezione di Informatica

Il 9 maggio sarà inaugurato il nuovo edificio di Informatica e si festeggeranno i dieci anni del Double Degree con la FHNW di Olten in Svizzera

CAMERINO  – Giornata di festa, quella del prossimo 9 maggio, per la Sezione di Informatica dell’Università di Camerino, nel corso della quale saranno celebrati i dieci anni dell’istituzione del Double Degree, ossia il titolo di studio riconosciuto in entrambi i Paesi, Italia e Paese convenzionato, per il corso di laurea magistrale in Computer Science, reso possibile grazie all’accordo di collaborazione con la University of Applied Sciences and Arts Northwestern Switzerland di Olten in Svizzera.

Unicam da tempo si è voluta dare una forte caratterizzazione internazionale, attivando sia corsi di laurea in lingua inglese così come accordi di collaborazione con importanti Atenei non solo europei, che consentono di ottenere il Double Degree, in particolare per i corsi di laurea magistrale della Scuola di Scienze e Tecnologie, una grande opportunità per gli studenti che possono così confrontarsi con colleghi e ambienti universitari di altri Paesi: la conferma della qualità dell’iniziativa è venuta direttamente dagli studenti che sempre più numerosi scelgono di seguire questi percorsi, ottenendo poi importanti successi.

La giornata si aprirà con un altro momento di festa, quello per l’inaugurazione del nuovo edificio che ospiterà aule e laboratori per gli studenti dei corsi di Informatica, realizzato grazie al contributo della Protezione civile.
I lavori della mattinata avranno inizio alle ore 10.30 con il taglio del nastro, dpo il quale sono previsti i saluti delle autorità accademiche, regionali e cittadine, seguiti dagli interventi di docenti e studenti di Informatica.

Il pomeriggio sarà di nuovo dedicato ai dieci anni del double degree con interventi di docenti Unicam e della University of Applied Sciences and Arts Northwestern Switzerland, così come degli studenti coinvolti nel progetto formativo, alcuni dei quali saranno in collegamento web dalla sede dell’Ateneo svizzero