Camerino, ultimati i lavori del mattatoio comunale

12

Consegnata la prima opera pubblica ricostruita dopo il terremoto

CAMERINO – Completati i lavori del mattatoio comunale. La ditta impegnata nella riparazione dei danni causati dal sisma ha trasmesso formalmente la comunicazione di “fine lavori”, iniziati lo scorso febbraio, consegnando la prima opera pubblica ricostruita dopo il terremoto. L’ufficio tecnico sta procedendo alla verifica degli interventi per poi rimettere a disposizione degli allevatori la struttura che è sempre stata uno dei punti di riferimento di un’intera area per la macellazione della carne. Dunque il mattatoio a breve tornerà operativo: «La pratica relativa al mattatoio era rimasta ferma e riuscendo a sbloccarla abbiamo potuto dare il via ai lavori nei mesi scorsi – spiega il sindaco di Camerino Sandro Sborgia – vedendone in questi giorni la fine, nonostante la sospensione dell’attività dei cantieri dovuta al Covid, segno che se si vuole, le cose si fanno. L’amministrazione comunale ha già avviato l’iter per affidare la gestione della struttura – prosegue Sborgia – Il mattatoio tornerà a servire aziende agricole e allevatori che oggi vanno a macellare a chilometri di distanza, con costi e sacrifici che ricadono tutti su di loro. Su questo concentreremo gli sforzi per attivare un progetto di filiera delle carni locali, tramite progetti con gli allevatori e le associazioni di categoria, per favorire il rilancio economico dell’agricoltura del territorio».

 Ad occuparsi dei lavori è stata la ditta Fiorelli Costruzioni, di Francavilla d’Ete, per un importo di 209mila euro, seguendo il progetto dell’architetto Corrado Perugini. Il cantiere, rimasto fermo diversi mesi a causa dell’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid, ha ripreso l’attività lo scorso 4 maggio, alla presenza del commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini.