Anna Tatangelo si esibisce a Ripatransone per la Festa del Vino

551

RIPATRANSONE (AP) – Tutto pronto per il concerto di Anna Tatangelo che si terra’ a Ripatransone domenica 30 luglio in occasione della Festa del Vino presso l’Azienda Vinicola Colli Ripani. La celebre cantante di Sora riproporra’ tutti i brani piu’ importanti della sua carriera da “Doppiamente Fragili”, grazie al quale a soli 15 anni ha vinto la sezione giovani del Festival di Sanremo, a “Essere una donna”, “Il mio amico”, “Ragazza di periferia” e “Quando due si lasciano”.

Anna è recentemente tornata con un nuovo estratto dall’album ‘Libera’, che si chiama ‘Gocce di Cristallo’, in cui racconta di un giovane amore finito, i ricordi e le immagini di quello che sarebbe potuto essere riaffiorano, scanditi dalla musica e dalla voce della Tatangelo che interpreta l’anima della storia dei due ragazzi ed esprime i sentimenti che riemergono.

Il repertorio che la giovane cantante propone dal vivo nei concerti si fa sempre più importante: la Tatangelo ha infatti interpretato negli ultimi anni pezzi dalle firme prestigiose come Mogol (“Essere una donna”, vincitrice categoria Donne a Sanremo 2006), Gaetano Curreri e Saverio Grandi, autori per Vasco Rossi (“Cosa ne sai”), e ha debuttato anche come autrice di testi (“Lo so che finirà” e “Averti qui”).

Oltre a questi, in scaletta sono quindi previsti i pezzi che l’hanno consacrata al pubblico: da “Doppiamente fragili”, con cui ha debuttato e vinto a soli 15 anni al festival di Sanremo tra le Nuove Proposte nel 2002, a “Ragazza di periferia”. L’artista ciociara conquisto’ il secondo posto al Festival di Sanremo 2008 con il brano “Il mio amico”, contenuto nell’album “Mai dire Mai” che supero’ le 100.000 copie. “Il mio amico”, firmato da Gigi D’Alessio, fu cantato anche in coppia con Michael Bolton ed è un omaggio alla melodia italiana classica, coniugata secondo i canoni del suono contemporaneo.

Lo sviluppo musicale delle strofe e dell’inciso mette in evidenza la maturità raggiunta dalla voce della Tatangelo, forte ed elegante, in linea con le grandi donne che hanno scritto la storia della canzone italiana. Il testo, che tanto fece parlare di sè, tratta il tema dell’amore fra due uomini: l’omosessualità non era mai entrata in maniera così prorompente e dichiarata sul palco del Festival. Anna Tatangelo, partendo da un’esperienza di vita vissuta, racconta la storia di un amico che vive i dubbi, le incertezze e le discriminazioni di una relazione omosessuale.