Ancona, il Gruppo Gabrielli dona attrezzature alle Croci: la cerimonia

33

In segno di riconoscimento per la dedizione e la disponibilità dei volontari di Anpas, Croce Rossa e Misericordia, la consegna di un sanificatore e di una sedia “scendi scale” per l’evacuazione rapida dalle abitazioni

ANCONA – Si è svolta ieri, giovedì 23 luglio 2020, nel piazzale antistante il superstore Oasi di Ancona, la cerimonia di consegna delle attrezzature che il Gruppo Gabrielli ha deciso di donare a tutto il mondo del volontariato dopo un’approfondita analisi fatta con la Regione Marche:uno dei più avanzati sanificatori  e una sedia “scendi scale” per l’evacuazione rapida dalle abitazioni.

Si tratta di strumenti fondamentali per supportare il lavoro dei volontari perché

  • diminuiscono il rischio di contagio dei volontari che si adoperano quotidianamente al trasporto sanitario di persone contagiate
  • potenziano l’operatività post-Covid nell’ottica di un sostegno alle persone in difficoltà per tutte le loro necessità quotidiane.

All’evento erano presenti il Presidente della Holding del Gruppo Gabrielli, Giancarlo Gabrielli, il Presidente del Gruppo Gabrielli Luca Gabrielli, il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il Presidente del Comitato Regionale ANPAS Marche Andrea Sbaffo ed il Vicepresidente Vicario Nazionale ANPAS Carlo Castellucci, il Presidente del Comitato Regionale Marche della Croce Rossa Italiana Andrea Galvagno, insieme al Presidente della “Misericordia” Alessandro Speca.

“Questo è un gesto di riconoscimento – ha dichiarato il Presidente della Regione Marche Luca Cerisciolinei confronti delle “croci marchigiane” che hanno svolto un compito straordinario.Ricordo, nel momento in cui determinammo le caratteristiche dei singoli ospedali, l’impegno profuso per liberare in una notte ospedali interi, spostare i pazienti con una dedizione e disponibilità fantastiche. È bello che la famiglia Gabrielli riconosca, con questo dono, il lavoro fatto dai tanti volontari marchigiani. Le “croci marchigiane” sono presenti tutto l’anno e nel periodo dell’emergenza Covid hanno rappresentato un supporto incredibile, la loro flessibilità e disponibilità ci ha permesso di gestire al meglio la situazione. Se oggi siamo tra le regioni con i numeri più bassi in termini di contagio, quando avevamo all’inizio una curva epidemiologica alta, è grazie allo sforzo di tutti ed il ruolo delle “croci” è stato importante”.

Supporto al sistema sanitario regionale anche nei momenti successivi all’emergenza Covid

“Ci è sembrato doveroso – ha detto Giancarlo Gabrielli presidente della Holding del Gruppo Gabrielli supportare il sistema sanitario nel nostro territorio di riferimento anche per la gestione delle future cure “ordinarie”. Abbiamo investito nelle attrezzature che ci sono state indicate da Anpas e Croce Rossa, questa iniziativa vuol essere anche un implicito ringraziamento ai volontari ed al sostegno che hanno dato e continuano ad assicurare alle persone in difficoltà”.

“Per noi era importante – ha aggiunto Luca Gabrielli, Presidente del Gruppo Gabrielli – dare un aiuto al nostro territorio, voglio ringraziare anche ai nostri collaboratori che ci hanno aiutato a sostenere nei momenti del lockdown le nostre comunità ”.

“Esprimo a nome delle migliaia di volontari di ANPAS, Croce Rossa Italiana e Misericordia la nostra gratitudine per l’importante sostegno dimostrato dal Gruppo Gabrielli, grazie a queste attrezzature possiamo lavorare meglio e sempre più in sicurezza – ha dichiarato Andrea Sbaffo Presidente Anpas MarcheUn gesto che rappresenta la sintesi della grande vicinanza che abbiamo avuto da tutta la comunità. Il mondo del volontariato si è trovato in prima linea ventiquattro ore al giorno e devo dire che è è stato eccezionale, ringrazio tutti i volontari uno ad uno per la loro grande opera”

“La donazione del Gruppo Gabrielli è un esempio del vero risultato del volontariato all’interno dei tessuti sociali dei nostri territori – ha dichiarato il Vicepresidente Nazionale ANPAS Carlo CastellucciNel periodo d’ emergenza si è compreso bene l’importanza delle associazioni di volontariato che hanno fatto la differenza, oltre che nell’emergenza sanitaria anche nel sociale. Un messaggio forte con il quale ci auguriamo che la politica e la comunità comprenda sempre di più il vero valore del volontariato, peculiarità unica del nostro Paese”