Ancona, formazione dei neo assunti del Comune: al via gli appuntamenti

19

Ieri il primo degli incontri on line per favorire un inserimento motivato ed efficace.Il Sindaco: “vi aspettavamo da tempo”

ANCONA – Ha preso il via ieri in streaming la prima di una serie di giornate di accoglienza e formazione dei neo assunti del Comune di Ancona nell’anno 2020.
Ai nuovi dipendenti comunali – ottantasei tra funzionari/ istruttori /collaboratori amministrativi e agenti di Polizia Locale (le due categorie più numerose) e, inoltre, tecnici, addetti alla vigilanza, educatori, assistenti sociali e un esperto di Ambiente- il Direttore generale del Comune, Maurizio Bevilacqua, ha rivolto il saluto introduttivo, cui hanno fatto seguito le parole di benvenuto del Sindaco Valeria Mancinelli: “vi aspettavamo da tempo”– ha sottolineato il primo cittadino.

“Da anni tutte le Pubbliche Amministrazioni erano bloccate e servivano nuove energie, sia sotto il profilo quantitativo sia sotto quello qualitativo. Siamo riusciti ad accelerare le procedure e adesso possiamo contare su un bel gruppo che lavorerà per la crescita di Ancona” . A seguire, l’illustrazione della struttura comunale da parte Segretario generale, Giovanni Montaccini, la breve relazione della Comandante della Polizia Locale, Liliana Rovaldi e- man mano – gli interventi di alcuni responsabili delle diverse direzioni.
Nel secondo incontro, mercoledì prossimo 27 gennaio, proseguiranno gli interventi introduttivi delle restanti direzioni con un cenno alle best practice e, infine, mercoledì 3 febbraio si svolgerà un incontro dedicato espressamente alla Sicurezza cui parteciperà il responsabile Servizio Protezione e Prevenzione.

“Una iniziativa- sottolinea il Direttore generale Maurizio Bevilacqua- pensata per garantire a tutti i nuovi assunti una accoglienza tale da promuovere un senso di identità e appartenenza ad una squadra al servizio della comunità e favorire una visione di insieme della macchina comunale cui ciascuno, nel suo specifico ruolo, potrà dare il proprio apporto”.