Ancona, denunciato un cacciatore sorpreso a maltrattare i suoi cani

68

ANCONA – Nei giorni scorsi una Guardia Venatoria di Legambiente e alcune guardie del WWF di Ancona, hanno messo a segno un altro colpo contro chi utilizza collari elettrici per addestrare gli animali.

Nelle campagne tra Monte San Vito e Chiaravalle (AN) è stato sorpreso un cacciatore mentre addestrava i suoi cani mediante i famigerati e vietati collari, capaci di generare forti scosse elettriche nel collo dell’animale al solo tocco di un tasto del telecomando.

Immediato è stato il sequestro degli apparati al cacciatore, al fine di conservare tali strumenti e di metterli a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il cacciatore è stato, inoltre, denunciato per l’ipotesi di reato di maltrattamento animali e rischia ora  la reclusione da tre mesi a diciotto mesi o la multa da 5.000 a 30.000 euro.

Nei giorni successivi all’accaduto, il sequestro è stato convalidato dalla Procura della Repubblica di Ancona e ora le Associazioni stanno valutando se costituirsi parte civile nel processo che si potrebbe celebrare a breve contro il cacciatore.

I Nuclei di vigilanza del WWF e di Legambiente continueranno nei prossimi mesi e per tutta la stagione venatoria un serrato controllo contro questa barbara usanza e contro ogni tipo di maltrattamento degli animali.