Acqualagna, Carnevale Al Tartufo e Fiera Regionale del Tartufo Nero Pregiato

113

Domenica 23 febbraio a partire  dalle ore 09.30 la 37^edizione della Fiera Regionale del Tartufo  e dalle ore 15.00 il Carnevale  con il ghiotto lancio dei tartufi

ACQUALAGNA (PU) – Febbraio si apre con grandi eventi al profumo di Tartufo Nero Pregiato di Acqualagna che si accende dei colori di una festa unica al mondo, il Carnevale al Tartufo.

Per tutto il mese, piazza Enrico Mattei torna a essere il cuore degli eventi per trasformarsi in una grande arena del gusto dove i ristoranti propongono nuove ricette a un prezzo promozionale.

Il mese del Tartufo ha il suo clou domenica 23 febbraio 2020 quando si celebra la 37^ Fiera regionale del Tartufo Nero Pregiato (Tuber Melanosporum Vitt), nonché il nero dolce dal profumo aromatico che, insieme alle altre quattro varietà stagionali, conferma Acqualagna capitale del Tartufo fresco tutto l’anno. L’itinerario delle tipicità si snoda intorno al centro storico ed è rivolto agli appassionati delle cose buone e belle, rigorosamente del territorio. Un percorso del buon gusto tra gli stand di commercianti di tartufo fresco, espositori di prodotti eno-gastronomici tipici (norcini, vino, miele, dolci) insieme alle creazioni di artigianato artistico.

Il Carnevale Al Tartufo è il Carnevale più pazzo d’Italia, l’unico al mondo in cui si lanciano Tartufi.Solo Acqualagna poteva ideare un Carnevale all’insegna del gusto con l’obiettivo di ricompensare i suoi amati estimatori che ad ogni stagione dell’anno raggiungono la cittadina marchigiana per acquistare e degustare il pregiato prodotto della terra senza badare a spese.

Nella Capitale del Tartufo, infatti, la festa più divertente del Calendario, è famosa per la ghiotta legge che lo regola: a Carnevale, quando tutto è permesso e il mondo è alla rovescia, il tartufo non si compra, si regala, anzi si lancia in aria!

L’appuntamento è per il pomeriggio dalle ore 15 con la sfilata dei carri per le vie del paese e lancio di caramelle e coriandoli e poi, alle ore 16, dopo la sfilata, la Festa si accende ancora di più: occhi puntati su Casa Mattei, quando il sindaco richiama il pubblico al banchetto del “Re della Tavola” e lo fa con il ghiotto lancio dei tartufi tanto atteso tra musica, ballo e intrattenimenti, giochi, distribuzione di dolci, bibite e vin brulè. C’è n’è per tutti i gusti: buongustai da tutta Italia, maschere divertenti e spaventose ma anche ispirate a personaggi del momento.