A San Severino la mostra :“Francesco e il sultano 1219-2019. L’incontro sull’altra riva”

54

Domani l’inaugurazione nella Chiesa della Misericordia. La  mostra sarà  aperta  fino all’8 dicembre prossimo

SAN SEVERINO MARCHE – Il Centro di esperienza e di formazione francescana, che ha sede presso il convento dei frati minori cappuccini di San Salvatore in Colpersito, in collaborazione con le Sorelle povere di Santa Chiara, con l’Ordine Francescano Secolare e con il Centro culturale “A. Tarkovskij”, in occasione degli 800 anni dal passaggio di San Francesco nelle Marche, e in particolare nella città di San Severino dove vi giunse di ritorno dall’incontro con il sultano al-Malika al-Kamil, ospita nella Chiesa della Misericordia, in piazza Del Popolo, la mostra: “Francesco e il sultano 1219-2019. L’incontro sull’altra riva”.

L’evento culturale, patrocinato dal Comune di San Severino Marche, è stato presentato al 40° Festival dell’Amicizia tra i Popoli di Rimini. Era il 1219 quando, in piena Quinta Crociata, il frate Francesco d’Assisi s’imbarcò per raggiungere la Terra santa, e si recò dal Sultano d’Egitto Malik Al Kamil.
La mostra conta 30 pannelli cui se ne aggiungono 3 proprio sul passaggio di San Francesco a San Severino Marche. Insieme all’esposizione, che sarà inaugurata sabato 23 novembre, alle ore 18, e che resterà aperta fino all’8 dicembre prossimo, sono già stati previsti anche alcuni momenti di approfondimento con incontri e convegni.
La Città di San Severino Marche custodisce il più importante luogo francescano di tutta la regione, il convento di San Salvatore in Colpersito, dove il poverello di Assisi passò per ben due volte. Si tratta di un patrimonio culturale di importante rilevanza per il quale i frati cappuccini si stanno impegnando anche con la creazione di un Centro di esperienza e di formazione di recente aperto.
Oltre ad essere interessante in sé, la mostra è di grande attualità considerato il tempo storico che stiamo vivendo e la fatica di far convivere culture diverse. Quello che essa racconta è uno dei più straordinari gesti di pace nella storia del dialogo fra cristianesimo e islam, che a distanza di otto secoli, non smette di interrogarci e che quest’anno viene ricordato in numerose iniziative.
L’esposizione, promossa da Custodia di Terra Santa, Fondazione Meeting per l’Amicizia fra i Popoli e Ats Pro Terra Sancta, viene presentata in città anche con la collaborazione del CSV Marche e sarà visitabile nei seguenti orari: feriali dalle ore 17 alle ore 19, sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 19. Il percorso espositivo è curato da Maria Pia Alberzoni, Andrea Avveduto, Caterina Cappuccio e Simone Lombardo.
Proprio una delle curatrici, Maria Pia Alberzoni, sarà anche relatrice di una conferenza, insieme a padre Pietro Maranesi, in programma sabato 7 dicembre alle 17,30 al teatro Italia. “Francesco e il sultano. L’eredità di un incontro”, questo il titolo del convegno, offrirà spunti di riflessione su quali sono gli aspetti fondamentali e straordinari dell’incontro avvenuto 800 anni fa.