A Fano “Sapori e Aromi d’Autunno” 2019: ecco le novità

La XXXII° Mostra-Fiera, all’insegna di prodotti agroalimentari marchigiani di qualità,il 17 e 24 novembre presso il Codma di Rosciano

FANO  – Da 32 anni il mese di Novembre, per Fano, è sinonimo di produzione agroalimentare marchigiana di qualità: il Codma di Rosciano, infatti, ospita Sapori e Aromi d’Autunno – Il Salotto del Gusto. I prossimi 17 e 24 novembre, dunque, come ormai tradizione, spazio ai profumi e ai gusti delle squisite eccellenze marchigiane, ai migliori produttori della Regione e ai nostri commercianti più qualificati.

Domenica 17 novembre alle 10.00 il taglio del nastro, alla presenza delle autorità, inaugurerà ufficialmente l’edizione 2019 di questa gustosa kermesse e sarà, come di consueto seguito alla consegna dei riconoscimenti per il Premio Marche Nostre (28^ edizione), conferito ogni anno ad aziende, operatori ed esperti, distintisi nel campo della produzione e valorizzazione agro-alimentare o a personalità che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione. Non mancherà nemmeno l’appuntamento dedicato alla solidarietà: l’organizzazione di OLEA infatti, a nome dei produttori di olio che partecipano ai concorsi L’Oro delle Marche e L’Oro d’Italia 2019, consegnerà la simbolica bottiglia dell’Olio della solidarietà a Sua Eccellenza Mons. Trasarti a favore della mensa dell’Opera Padre Pio di Fano.

Domenica 24 novembre, seconda ed ultima giornata della più gustosa manifestazione autunnale fanese, sarà poi la volta della 6° edizione de la “Camminata del Gusto e del Cuore” e del Gran Galà dell’Olio di OLEA, con le celebrazioni e le premiazioni del 20° concorso“L’Oro delle Marche” 2019, della presentazione dell’edizione 2019 / 2020 del BacalàFest e di una novità assoluta: la tavola rotonda”Dal seme al piatto: la buona pasta”, incontro promozionale e divulgativo, preludio alla prima edizione del progetto PastaFest 2020 – festival della pasta artigianale italiana. A chiudere la giornata sarà, per la prima volta, una tappa della Staffetta del Bianchello, o meglio il recupero della 12^ tappa dedicata alla Az. Agr. Terre di Giove di Fano ed intitolata “Il cibo è salute. I 50 anni del Bianchello del Metauro”.
Oltre cento le aziende che partecipano quest’anno a Sapori e Aromi d’Autunno con prodotti del territorio quali formaggi pecorini e di fossa, tartufi, vini, salumi, olio extravergine, pane e pasta, funghi, confetture e particolarità gastronomiche di ogni tipo e che riempiranno quello che per l’occasione tutti chiamano Salotto del Gusto, insieme ad una lunga serie di appuntamenti che arricchiscono il programma delle due domeniche: incontri di perfezionamento per assaggiatori, degustazioni tematiche, concorsi, assaggi guidati, Gran Galà dell’Olio, Pane & Olio in Piazza, ma anche mostre d’arte, convegni, il mercatino, la 32^ mostra micologica regionale, l’interessante mostra fotografica /concorso a premi, Il Borgo in bocca, musica ed intrattenimento per tutti i gusti. Anche quest’anno, poi, la manifestazione riserva particolare attenzione alle popolazioni marchigiane colpite dal sisma del 2016 ospitando operatori ed aziende agricole ricadenti nel cratere del terremoto e provenienti dai comuni di Castelsantangelo sul Nera (Mc), Arquata del Tronto (Ap), Cascia e Norcia (Pg), in una sorta di file rouge che unisce, con i propri sapori e aromi, le due regioni Marche e Umbria. Importanti le partecipazioni dell’Istituto Agrario A. Cecchi di Pesaro, del Liceo artistico Apolloni e la Scuola primaria F. Tombari di Bellocchi di Fano, presenti con le loro attività.
“Per due domeniche consecutive, Sapori e Aromi d’Autunno si fa, anche quest’anno, vetrina d’eccezione dei sapori di questa meravigliosa terra marchigiana”. Così Giorgio Sorcinelli, responsabile e direttore della manifestazione, racconta questa 32° edizione. “Dal 1988, Sapori e Aromi d’Autunno è la più longeva tra le manifestazioni enogastronomiche del territorio regionale che unisce in un unico evento, cibo, tradizioni, cultura e buone pratiche a tavola ad una grande attenzione per l’economia del comparto gastronomico, una delle più importanti della Regione Marche“.
Così Francesco Fragomeno, coordinatore dell’evento: “con enorme coraggio ed una scrupolosa selezione dei prodotti, infatti, Sapori e Aromi d’autunno si rivolge non solo al grande pubblico al quale consiglia regole per una sana alimentazione e per consumi consapevoli, ma mette in rete produttori e commercianti e mantiene viva l’attenzione all’economia dell’agroalimentare regionale garantendo ogni anno l’incontro tra gli attori della filiera”.

LE NOVITA’ DI SAPORI E AROMI D’AUTUNNO

La vetrina delle eccellenze marchigiane presenta nuove iniziative e si arricchisce di eventi

 La 32^ edizione di Sapori e Aromi d’Autunno propone al pubblico, a corollario del programma, una serie d’incontri utili all’approfondimento di eventi che si svolgeranno nel 2020 e alla conoscenza di prodotti tradizionali di nicchia che del loro nome hanno fatto un brand. Parliamo in particolare di Baccalà, Pasta e Bianchello.
Domenica 24 novembre, infatti, nella sala della protezione civile, alle ore 16.00, al baccalà e alla sua tradizione, è, come di consueto, dedicata la presentazione della kermesse “BacalàFest – Girobacalà 2019-2020”, Festival del baccalà e dello stoccafisso durante la quale Giorgio Sorcinelli – Presidente Viandanti dei Sapori, Francesco Fragomeno – Viandanti dei Sapori, Alfredo Antonaros – Giornalista/gastronomo e Flavio Cerioni – Ristoratore illustreranno la nuova edizione e racconteranno il prodotto, la sua storia e le cene dedicate alle Disfide culinarie e Girobacalà per girovagare dal mare ai monti, presso i ristoranti aderenti della provincia.
Ma novità assoluta, Domenica 24 novembre, alle 16.30, nella sala della protezione civile, sarà il momento dedicato a sua maestà la pasta, considerata il cibo più gustoso della storia, uno dei pilastri della dieta mediterranea, onnipresente sulle tavole d’Italia. Una tavola rotonda dal titolo “Dal seme al Piatto: la buona pasta”, incontro promozionale che fa da preludio al nuovo progetto PASTAFEST 2020 – Festival della pasta artigianale italiana. Il festival, che l’Associazione Viandanti dei Sapori intende svolgere nell’estate 2020, sarà un grande evento popolare interamente dedicato proprio alla pasta, per conoscerla dal campo al piatto, divulgarne le proprietà alimentari, promuoverne un consumo consapevole, apprezzare le ricette regionali e tradizionali e deliziare il palato degli appassionati.
Infine, alle ore 17.45, è dedicata la 12^ tappa della Staffetta del Bianchello, il recupero della tappa che doveva svolgersi all’Az. Agr. Terre di Giove di Fano, dal titolo “Il cibo è salute – i 50 anni del Bianchello del Metauro”. All’incontro partecipano: Mauro Piccardo – Pres. Consorzio Melograno, Veronica Baldini – Biologa nutrizionista, Anna Bracci – Pres. Ass. Camminando sui tuoi passi. Segue degustazione di Bianchello del Metauro in abbinamento con risotto al melograno
a cura del cuoco Cristian Sartori del Ristorante L’Arcimboldo di Canavaccio (su prenotazione tel. 3486416335).