Ricostruzione: si intensifica la mobilitazione degli architetti italiani

ANCONA – Accelerare la fase dei sopralluoghi FAST propedeutici alla fase della ricostruzione, è questo ad oggi l’obiettivo condiviso dagli Ordini territoriali degli architetti di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, L’Aquila, Perugia, Rieti, Terni e Teramo. Tantissimi gli architetti, paesaggisti, pianificatori e conservatori impegnati sui territori colpiti dal sisma a effettuare i sopralluoghi, 238 nelle sole Marche suddivisi in 119 squadre cui Giuseppe Cappochin, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, ha garantito il massimo sostegno e la necessaria assistenza per portare a termine gli impegni professionali ed etici assunti dagli architetti italiani nei difficili giorni successivi al terremoto dello scorso agosto, numeri frutto degli incontri sul territorio in cui gli Ordini territoriali si sono sforzati di sensibilizzare ancora di più i loro iscritti alle tematiche riguardanti le zone ferite dal sisma.

Per Cappochin, gli incontri svoltisi in questi mesi sono stati un’esperienza positiva, portatrice di una chiara visione delle oggettive criticità presenti nelle zone in questione, ma a tempo stesso fucine di idee per superare le criticità, proposte concrete per avviare i rapporti di collaborazione con le pubbliche amministrazioni e gli operatori privati, al fine di dare il via a concorsi di progettazione innovativi rispetto ai canoni classici italiani, capaci in futuro di diventare modello e riferimento per quella progettazione di qualità di cui l’Italia, soprattutto in questo momento, ha fondamentale bisogno.

Nelle prossime settimane, tra le varie iniziative, è da segnalare un seminario, previsto a Rieti, il cui fine è migliorare, su specifici aspetti, la preparazione degli architetti impegnati nei sopralluoghi.

Il seminario sarà articolato in più moduli volti ad approfondire le conoscenze sulla valutazione di agibilità degli edifici ordinari, la responsabilità giuridica-professionale sulle schede di valutazione e sulle perizie giurate.

CONDIVIDI