LIFE “ReThink Waste”, il 14 giugno meeting ad Ancona

20

Alla Mole Vanvitelliana si  parlerà delle innovative forme di gestione del ciclo dei rifiuti; l’evento è organizzato da ATA Rifiuti con il patrocinio del Comune

ANCONA – Martedì 14 giugno 2022, alla Mole di Ancona meeting del progetto europeo LIFE “ReThink Waste”, dedicato agli strumenti più efficaci per raggiungere gli obiettivi ambientali attraverso il coinvolgimento dei cittadini e l’introduzione della tariffa puntuale

La gestione dei rifiuti mette al centro il cittadino e le sue abitudini, sia per il conseguimento degli obiettivi di riduzione, riciclo e recupero, sia per giungere a una ripartizione dei costi del servizio commisurata ai comportamenti di ciascuno. L’ATA Rifiuti, ente che pianifica e progetta la gestione integrata del ciclo dei rifiuti nel territorio della Provincia di Ancona, ha sposato in pieno questi principi tramite l’adozione del Piano d’Ambito e chiama a raccolta i Comuni per illustrare le tappe di questo cambiamento e raccogliere osservazioni ed esigenze. L’appuntamento è per martedì 14 giugno, alle ore 9, alla Mole Vanvitelliana di Ancona (Sala Polveri) con l’evento “Innovative politiche di PAYT e KAYT: la tariffazione e la comunicazione puntuale per l’economia circolare”, organizzato da ATA con il patrocinio del Comune di Ancona; si parlerà delle esperienze italiane ed europee sviluppate nell’ambito del progetto LIFE “REthinkWASTE” e delle strategie pianificate nel territorio dell’ATA Rifiuti.

I nuovi indirizzi, sia a livello comunitario che nazionale, introducono nuovi strumenti che coinvolgono i cittadini stessi nell’obiettivo di produrre meno rifiuti e di differenziarli meglio. Attualmente la Tari (tassa sui rifiuti) è legata al numero dei componenti della famiglia e all’ampiezza dell’abitazione; il nuovo sistema prevedrà un costo fisso e una parte variabile legata ai comportamenti adottati. L’ATA Rifiuti sta guidando i Comuni in questa transizione e il progetto europeo LIFE “REthinkWASTE”, che vede ATA tra i partner, rappresenta un’importante tappa di questo percorso.

“Il servizio pubblico di gestione dei rifiuti – sottolinea Daniele Carnevali, presidente ATA – ha una specificità: si pone sfidanti obiettivi di sostenibilità ambientale che dipendono strettamente dai comportamenti quotidiani di tutti noi. è il cittadino il vero motore del cambiamento, quindi è essenziale non solo fornire informazioni, ma agire anche sulle motivazioni. Il coinvolgimento del territorio è strategico e progetti come questo, che mettono in campo strumenti innovativi di tariffazione trasparente e di comunicazione tra cittadino e istituzioni, rappresentano una risposta efficace a questa esigenza”.

Il progetto si concentra, in particolare, su due strumenti: il PAYT e il KAYT. Il PAYT (ovvero Pay-As-You-Throw) indica i sistemi di tariffazione che prevedono un pagamento commisurato alla quantità di rifiuti effettivamente prodotta e che forniscono incentivi alla raccolta dei rifiuti riciclabili e alla riduzione di quelli indifferenziati. Il KAYT (Know-As-You-Throw) fa riferimento a tutte quelle modalità di comunicazione (quali app, social e forme di comunicazione relazionale diretta) che consentono una interazione veloce, continua e personalizzata tra istituzione e cittadino, per essere sempre informati e per mettere in atto comportamenti virtuosi.

Al meeting del 14 giugno, ATA racconterà il progetto, le modalità con cui gli strumenti PAYT e KAYT sono stati già applicati in altri territori e cosa si prevede per la Provincia di Ancona. Saranno presenti i Comuni dell’ambito e i partner di progetto. I lavori si apriranno alle ore 9 con i saluti del sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli, e di Daniele Carnevali e Massimiliano Cenerini, rispettivamente presidente e direttore di ATA Rifiuti. Per ATA interverranno inoltre Matteo Giantomassi, Marco Masi, Simonetta Scaglia, Elisabetta Ubertini; Davide Donadio dell’Istituto per la Finanza e l’Economia Locale (Ifel) e Andrea Cappello di Ars Ambiente faranno il punto sull’applicazione della nuova tariffazione in Italia; Simone Quercia dell’Università degli Studi di Verona approfondirà quelle dinamiche e quegli strumenti che favoriscono comportamenti sostenibili; Riccardo Venturi di Etra spa si concentrerà sul ruolo strategico del KAYT. Verranno illustrati inoltre i progetti pilota realizzati a Bassano del Grappa (Vicenza), Varese, Bitetto (Bari) e Sant Just Desvern (Spagna). Nel pomeriggio, tavoli di lavoro coordinati dal formatore Riccardo Zuccaro.
Tra il 14 e il 15 giugno, infine, i partner di progetto potranno conoscere direttamente alcune delle esperienze virtuose realizzate nel territorio dell’ATA.