Pesaro, riduzione sprechi alimentari: consegnato un nuovo mezzo

13

Il furgone refrigerato è previsto dal progetto “di recupero e distribuzione gratuita di prodotti alimentari” che coinvolge il Comune di Pesaro e i partner dell’iniziativa: La Città della Gioia; Fondazione Banco Alimentare Marche; CRI-Comitato di Pesaro; Caritas Pesaro; i Comuni dell’Ats1

PESARO – Da ieri c’è un nuovo mezzo, a supporto del Comune, per «Ridurre gli sprechi, sensibilizzare alla tutela dell’ambiente, sostenere le famiglie in difficoltà». È stato infatti consegnato nella sede di via dei Cacciatori, il furgone Isotermico, Termobox e Frigo, assegnato dall’Amministrazione, in comodato gratuito, alla Fondazione Banco Alimentare Onlus, per «aumentare i recuperi giornalieri di cibo e la redistribuzione agli enti caritatevoli o alle famiglie indigenti – spiega Luca Pandolfi, assessore alla Sostenibilità e presidente del comitato dei sindaci dell’Ats1 -. Siamo felicissimi di poter “mettere la quinta” ai servizi già attivi sul territorio, in particolare per la consegna gratuita di beni alimentari alle famiglie in difficoltà che fanno parte di un progetto finanziato con 48mila euro di contributi regionali».

Tramite il “Progetto di recupero e distribuzione gratuita di prodotti alimentari” gli interventi già attivi vengono convogliati su un unico canale, guidato da una “cabina di regia” che coordina enti e associazioni coinvolte – La Città della Gioia; Fondazione Banco Alimentare Marche; Croce Rossa Italiana-Comitato di Pesaro; Caritas Pesaro; i comuni dell’Ats1- e che ottimizza la raccolta e la distribuzione dei prodotti alimentari che, di conseguenza, vengono distribuiti a una platea più vasta di beneficiari.

«L’obiettivo è aumentare il recuperato da mense aziendali, forni, pasticcerie e aziende alimentari e anche grazie al nuovo mezzo di trasporto refrigerante e l’assortimento, potenziando il recupero di prodotti freschi» aggiunge l’assessore. Previste dal progetto anche le attività di formazione per la corretta gestione delle eccedenze alimentari e dei regolamenti HACCP (già svolte); attività di educazione per le scuole del territorio dell’Ats1; attività di comunicazione per costruire nuove relazioni con altri soggetti donatori di eccedenze alimentari.

Pandolfi sottolinea infine, «Il costante e proficuo lavoro di rete svolto insieme alle realtà del Terzo settore, grazie anche agli uffici dell’assessorato e dell’Ats1 che ringrazio, e che si rivolge, in particolare, all’estrema povertà. In questo senso sarà fondamentale l’operato dell’Osservatorio Povertà (attivo da novembre 2022) per l’analisi del fenomeno sul territorio, anche in ragione delle modifiche alle misure di sostegno nazionali, a cui cerchiamo di rispondere mettendo in campo ulteriori sforzi insieme all’importante e salda rete di soggetti con cui siamo al lavoro con impegno». Tra le iniziative incentivate negli ultimi due anni dall’Ats1 e, ancora una volta, da La Città della Gioia, Fondazione Banco Alimentare Marche, Croce Rossa Italiana-Comitato di Pesaro e Caritas Pesaro, rientra il servizio “Protezione freddo”, «che prima si svolgeva solo in inverno mentre oggi è attivo tutto l’anno nella “versione” “Un riparo per tutti”» ricorda Pandolfi.