Fano, i bambini e le bambine ripuliscono il loro ambiente

FANO – I bambini e le bambine di tre scuole della città di Fano si sono impegnate nell’ultima settimana a ripulire gli ambienti a loro più familiari dai rifiuti: raccogliendo cartacce, bottigliette, lattine, cicche di sigaretta hanno riempito i sacchi neri messi a disposizione da Aset dopo un’accurata spiegazione sulla loro differenziazione e sull’importanza dell’attenzione all’ambiente.
Paola Bartoletti di Legambiente ha presenziato i vari appuntamenti spiegando che cosa possa significare nel quotidiano di un bambino salvaguardare il nostro Pianeta e la Città dei bambini e delle bambine ha accompagnato tutte le classi partecipanti evidenziando come questa iniziativa sia uno dei tanti importanti modi di affezionarsi al luogo dove si vive e averne cura ogni giorno.
Luana Sacripanti di Aset ha mostrato ai bambini alcuni materiali e giocando ha insegnato loro a differenziarli.

Oggi, martedì 9 ottobre 2018, l’ultimo appuntamento ha visto le classi III della scuola M. Montessori ripulire il quartiere S. Lazzaro negli spazi verdi e nei percorsi attorno alla scuola e le classi IV della scuola F. Gentile occuparsi della Sassonia, dalla tensostruttura alla piscina.
Sotto il tendone, oltre alla Città dei bambini e delle bambine, Aset e Legambiente ci ha raggiunti anche Vincenzo Chiappa, un ragazzo che la scorsa estate aveva organizzato l’evento “Mi Terrò La terra”. Questa iniziativa di cittadinanza attiva ha inaspettatamente coinvolto moltissimi altri giovani che spontaneamente avevano ripulito il parcheggio di via Giustizia. Vincenzo si è impegnato a riproporla presto e noi gli assicuriamo il nostro appoggio!

Puliamo il Mondo non vuole essere solo una bella mattinata di volontariato all’aperto ma soprattutto un seme di cittadinanza attiva che è fondamentale piantare nei piccoli cittadini che fin d’ora possono e devono prendersi cura della propria città.
Grazie a tutte e tutti gli insegnanti che hanno aderito a questa iniziativa diffondendola nei diversi quartieri della città.