San Severino, inaugurata la mostra “DivinArte: Dante Alighieri, Filippo Bigioli e noi”

8

SAN SEVERINO MARCHE – Taglio del nastro per la mostra “DivinArte: Dante Alighieri, Filippo Bigioli e noi” con le opere realizzate dagli studenti del Liceo paritario “Bambin Gesù” di San Severino Marche.
L’esposizione, patrocinata dal Comune, presenta pitture e sculture ma anche video e addirittura ebook frutto dei lavoro dei ragazzi che sono stati guidati dai docenti Alessandra Lopedota, Mauro Fammilume, Leonardo Cusini, Elisa Marinelli, Letizia Falconi e Shura Oyarce Yuzzelli.
Quello che viene presentato è un viaggio cognitivo ed emotivo attraverso l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso che passa però dallo studio, e dunque dalla conoscenza, del patrimonio artistico settempedano. Un grande lavoro di ricerca partito dai canti della Divina Commedia ma che ha riguardato anche i bozzetti del grande pittore di casa nostra Filippo Bigioli.
La mostra, organizzata dal Liceo paritario “Bambin Gesù” nell’ambito del Piano triennale delle arti 2020 – 2022, sarà visitabile all’interno degli spazi espositivi dell’ex chiesa di Santa Maria della Misericordia, in piazza Del Popolo, fino al 30 giugno nelle giornate di sabato e domenica dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 17 alle 19. L’ingresso è gratuito.
All’inaugurazione hanno assistito tanti giovani artisti, le suore del “Bambin Gesù”, insegnanti, genitori insieme al sindaco della Città di San Severino Marche, Rosa Piermattei, all’assessore comunale alla Cultura, Vanna Bianconi, e al presidente del Consiglio comunale, Sandro Granata.
L’esposizione rappresenta un’occasione stimolante per tanti giovani studenti di dare pieno sfogo alla loro inventiva: un impegno laboratoriale ed intellettuale che ha stimolato la loro immaginazione e sollecitato in loro differenti riflessioni.
Alle opere è affiancata l’esposizione di alcune immagini delle raffigurazioni di alcuni santi presenti nel “Perfetto Leggendario ovvero Vita de’ Santi per ciascun giorno dell’anno”, una pregiatissima raccolta in 12 volumi, pubblicata nel 1841 a cura di Romualdo Gentilucci di Fabriano, editore in Roma, per la Casa Editrice Minerva. L’opera contempla 366 immagini da disegni di Filippo Bigioli conservati presso gli archivi delle Suore Convittrici del Bambin Gesù.
Alla mostra partecipano gli studenti: Federica Barjami, Lucrezia Marchetti, Francesca Paris, Victoria Ramadù, Niccolò Bartoloni,Cristiano Codoni, Lucia Cruciani, Beatrice Falconi, Frida Francucci, Thomas Giusepponi, Emanuele Mandolesi, Tommaso Riatti Scattolini, Caterina Silvetti, Giorgia Silvetti, Anita Taddei, Alessandra Uncini, Carlotta Siroti, Mattia Vitali, Manuela Bisello, Gaia Caldarelli, Alessandro Ciconetti, Maria Ciconetti, Hoda Fetahy, Giorgia Francucci, Gloria Halimi, Veronica Marozzi, Federico Meuli, Federica Nardi, Edoardo Piantoni, Silvia Tasinato, Arianna Acerbi, Matilde Allegretto, Selena Cosoiu, Emanuela Gavrilescu, Lucrezia Moretti, Tommaso Pallotto, Paolo Pesaresi, Giovanni Ranciaro, Sara Rapaccioni, Vitttoria Ricci, Emma Rosi, Ludovico Vico, Miriam Bianchini, Tanya Maltoni, Sofia Mari, Rachell Tamarez, Sofia Caponera, Riccardo Minerva, Giulio Polzoni e Benedetta Soares.