Pesaro, “Somebody to love project”: il 4 ottobre al Teatro Sperimentale

Il concerto, con la cover band Killers Queen, rientra nel progetto, organizzato dalla Onlus Nonno Mino, a sostegno dei malati di Alzheimer

PESARO – In occasione della giornata mondiale dell’Alzheimer, in programma venerdì 4 ottobre, la Onlus Nonno Mino, in collaborazione con l’Associazione Culturale L’Anfora e il patrocinio del Comune di Pesaro, organizza il concerto “Somebody to love project”. Sul palco del Teatro Sperimentale, alle 21.30, si esibiranno i “Killer Queen”, cover band dei Queen di fama europea.

“Già da diversi anni vengono organizzati concerti di beneficenza – afferma l’assessore alla Solidarietà Sara Mengucci -. È importante sottolineare la grande attività di volontariato che queste associazioni fanno ogni giorno, sostenendo le famiglie di malate di Alzheimer e anziani che soffrono la solitudine o l’emarginazione. I volontari danno loro sollievo, grazie anche alle attività a 360° che svolgono: per questo fin da subito l’Amministrazione ha deciso di seguire e sostenere queste iniziative”.

Il nome del progetto “Qualcuno da amare” si sposa a 360° con la filosofia dell’associazione, che ha deciso di proporre una serata dedicata a chi quotidianamente si occupa, a titolo gratuito, dei malati di Alzheimer aiutandolo il più possibile a rimanere nel proprio contesto famigliare e sociale di appartenenza.

“Bello vedere questo matrimonio tra l’associazione Nonno Mino e l’Anfora – così il consigliere regionale Andrea Biancani -, entrambe fanno attività importanti sul territorio e già lo scorso anno la Regione Marche ha collaborato con loro. Il nostro è uno dei territori più longevi d’Italia, come sappiamo questa malattia colpisce soprattutto le persone più anziane, quindi nelle Marche l’Alzheimer è un problema molto importante. L’associazione Nonno Mino svolge un’intensa attività in tutto il territorio, non solo a Pesaro ma anche a Vallefoglia e Urbino”.

Prima del concerto verrà proiettato un breve filmato di circa 3’40 che descrive l’attività dell’associazione, che sostiene come la persona affetta dalla malattia di Alzheimer può trarre benefici dal “potere” della musica ad un punto tale che nei nostri centri, oltre a svolgere con figure professionali attività cognitive, socializzanti, occupazionali, vengono applicati dei metodi di intervento con finalità riabilitative attraverso la musicoterapia e la danzaterapia. La musica facilita le associazioni, stimola la comunicazione verbale, migliora il tono dell’umore e gli eventuali stati ansio-depressivi e crea un ponte di collegamento tra la persona affetta dalla malattia e la realtà circostante.

“Gestiamo servizi rivolti a persone con Alzheimer o con altri tipi di demenze – interviene il presidente Bruna Di Berardino –: ci rivolgiamo ad anziani soli e i numeri cominciano ad essere elevati. Nel nostro piccolo cerchiamo di creare relazioni su tutto il territorio, siamo 25 volontari attivi ma la maggior parte di loro sono figure professionali”.

I biglietti per lo spettacolo saranno reperibile nei centri dell’associazione e in prevendita alla libreria Campus, Pesaro, via Rossini 33(0721.31438). “La nostra associazione organizza vari eventi: arte, musica, cultura – conclude il presidente de L’Anfora Maris Galdenzi – a questo progetto abbiamo aderito tre anni fa: un percorso bello, dove abbiamo potuto conoscere persone che si dedicano, con amore e passione, alla cura di persone meno fortunate”. La sera del concerto il botteghino del Teatro Sperimentale sarà aperto dalle ore 19.30. Ingresso posto unico € 20,00. Info: 339. 3707313 – 340.8059896 – 339.7816680.

Chi sono i Killers Queen – I Killer Queen sono la prima cover band dei Queen in Europa. Nato 23 anni fa dall’unione di alcuni tra i migliori musicisti dell’area fiorentina, il gruppo diviene da subito punto di riferimento per i fans italiani dei Queen, tanto che, solo dopo alcuni mesi di attività, viene riconosciuto da ‘We Will Rock You’ (official italian Queen fans club) come ‘tribute band ufficiale’ per l’Italia. Da allora sono stati più di 1000 i concerti, in Italia ed Europa, oltre alle decine di raduni organizzati. I “Killer Queen” propongono da sempre una propria “filosofia” di tributo, incentrata non tanto sulla somiglianza fisica, quanto sulla passione e sulla qualità del repertorio e dello spettacolo proposto. Scelta molto apprezzata dai “fans”, che ha totalmente contraddistinto questo gruppo negli anni da ogni altro tributo alla storica band , e della quale vanno fieri. Il 1 giugno 2015 la band viene ingaggiata per suonare all’Arena di Verona come band di supporto a Brian May, chitarrista e cofondatore dei Queen.