Pesaro, Coronavirus: il Comune chiede la sospensione dei pagamenti in scadenza

42

comune di Pesaro logoPESARO – Il Comune di Pesaro si è attivato per chiedere a Governo e Regione Marche di intervenire con specifiche risorse regionali e comunitarie e di sollecitare le sedi nazionali per supportare il territorio regionale gravemente danneggiato, dal punto di vista economico e sociale, da una situazione inedita e insidiosa che coinvolge tutto il sistema economico marchigiano, l’intera filiera turistica, le attività culturali e del tempo libero.

Nel dettaglio:

Sospensione dei versamenti in scadenza dal 23 febbraio al 30 aprile relativi alle cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione; sospensione fino al 30 aprile del versamento dei contributi previdenziali e delle ritenute fiscali per le strutture ricettive, le agenzie di viaggio ed i tour operator; incremento dei fondi destinati a sostegno delle imprese esportatrici; incremento del fondo di garanzia per le PMI.

“Un modo per andare incontro alle attività economiche in questo momento così delicato – commenta l’assessore con delega alle Attività Economiche Francesca Frenquellucci -. Ricordo che prima di tutto viene la salute, quindi è giusto tutelare i cittadini. La mia stima va a tutta la macchina sanitaria, che da giorni si sta adoperando perché questo avvenga nel migliore dei modi. È giusto, però, cercare di tutelare anche le imprese del nostro territorio: in questi giorni mi sono confrontata con alcuni rappresentanti delle associazioni di categoria, preoccupati per tutto ciò che riguarda la parte economica della città. Invitiamo i cittadini a seguire le linee guida per tutelare la propria salute, ma allo stesso tempo cercare di non lasciarsi sopraffare dal panico – conclude Frenquellucci – cercando di andare avanti”.