“Dolci, nuovi, effluvi”: una poesia di Monica Baldini

45

FANO – La poetessa fanese Monica Baldini (foto) scrive una poesia in cui osa. Osa vedere la primavera e nella suo risveglio, leggere una rinascita anche per il popolo di Dio. “Dio è con noi, non ci abbandona, come fece facendolo uscire dall’Egitto”.

DOLCI, NUOVI, EFFLUVI

Il vento e i fiori d’una primavera non sbiadita,
illumina il sole, il cielo,
e i merli e le margherite profumano l’aria,
bianche nel verde dei prati,
schiaffeggiano le case e il grigiore e le saracinesche abbassate
il silenzio e gli umori.
La preghiera elevata al cielo
fino l’Altissimo,
il Creato e noi creature
immerse in un immenso.
Tutto giace, sospeso.
Dolci effluvi sono
lievi, solo e nuovi
che ci detergono.
Bagnano noi,
isolati, affranti, affaticati
come candele,
come balenii accesi,
e guizzi di verità
che la rinascita sta scoprendo.
Oh buon Dio,
abbi pietà di noi e indicaci la via
per uscire dal deserto, dalla schiavitù del peccato
come feci con Mosè.
Nei segni, possiamo adorarti,
nel cuore ascoltarti,
nella tua grande Misericordia
possiamo vivere ancora.
Dolci effluvi lievi,
solo e nuovi, veniteci in aiuto.

Monica Baldini