“Decora Camerino con il tuo addobbo”, la premiazione del concorso

4

CAMERINO – Presepi fatti a mano; vecchie botti del vino che diventano lo scenario della natività; slittini ridipinti e circondati di luci capaci di illuminare un intero giardini. Curiosità, colori, divertimento e tanta fantasia sono state le componenti per la realizzazioni delle splendide decorazioni che sono state premiate questa mattina a Camerino. Nella sala consiliare del Comune, si è infatti svolta una piccola cerimonia di premiazione della prima edizione di “Decora Camerino con il tuo addobbo”, concorso indetto prima di Natale, dopo la lettera arrivata al sindaco Sandro Sborgia da parte di una giovane camerte.
Agnese, di 10 anni, prima delle feste natalizie, ha chiesto al primo cittadino di rendere la città bellissima nonostante il buio causato Covid.

“Siamo stati contentissimi di indire questo concorso e in qualche modo dare seguito ed esaudire il desiderio di una nostra giovane concittadina – ha detto il sindaco Sandro Sborgia – perché è un esempio di come spesso le idee più belle siano proprio dei più piccoli. È per questo che tenevamo tanto a questo concorso, perché mostra quanto le nuove generazioni, il nostro futuro, tengano alla loro città. Sono sicuramente un esempio per tutti noi”.
L’Amministrazione comunale ha, quindi, deciso di esaudire questo desiderio, proponendo il concorso, così da coinvolgere tutta la cittadinanza, in un momento particolare che costringe a rimanere distanti fisicamente. Nelle settimane sono state diverse le foto ad arrivare con tanti addobbi creati proprio dalla cittadinanza: scuole, piccoli, grandi e persino le suore Clarisse (che però sono rimaste fuori concorso pur volendo condividere il loro splendido presepe).
La commissione si è riunita nei giorni scorsi decretando i vincitori. Ad aggiudicarsi il primo premio sono stati i ragazzi del catechismo della basilica di San Venanzio. Medaglia d’argento pari merito tra Giuseppe Carradori e la classe V della scuola Salvo d’Acquisto; terzo premio per Germano Eustacchi e Michela Sgriccia. A suggellare la vittoria un premio con un occhio particolare nei confronti delle attività cittadine: i vincitori si sono aggiudicati, infatti, buoni spesa da spendere nelle cartolibrerie di Camerino. Un piccolo buono spesa è stato riservato anche a tutti i partecipanti al concorso. È stata proprio la piccola Agnese che ha personalmente consegnato i premi insieme al Sindaco. “Il premio a cui abbiamo pensato vuole essere anche una piccola attenzione in più per le attività cittadine”.
Non è mancato un particolare plauso per la bellezza del presepe delle sorelle Clarisse.
I componenti della commissione: il Magnifico Rettore Unicam Claudio Pettinari; il Sindaco Sandro Sborgia; il dirigente scolastico dei Licei Francesco Rosati; il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo Ugo Betti Maurizio Cavallaro; Don Marco Gentilucci; Nazzarena Barboni, presidente dell’Associazione Raffaello, di recente insignita del titolo di Ufficiale al merito della Repubblica italiana dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella; Fabio Sargenti, presidente del Consiglio d’istituto dell’IC Betti.