Ancona, “Archeotouch”: presentata la nuova edizione

Sarà dedicata ai “Bronzi di Cartoceto”. Nella giornata dei diritti dei disabili visita guidata con laboratorio didattico di un gruppo di ragazzi della Residenza “Il Cigno”

ANCONA – Nel mese che ospita la “Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità”, il Museo Archeologico Nazionale delle Marche insieme al Comune di Ancona e al Polo Museale delle Marche rilancia anche per l’anno 2019 il progetto “Archeotouch” centrato sulla realizzazione di percorsi laboratoriali destinati a persone con disabilità psico-fisica. Il progetto è attivo e ormai collaudato da anni grazie ad una intesa siglata tra le tre istituzioni con l’obiettivo di promuovere e sviluppare il rapporto tra il mondo della cultura e il sistema dei servizi dedicati alla disabilità, fornendo opportunità e percorsi educativi attraverso una adeguata comunicazione nonché tecniche che facilitino la relazione e il contatto e perciò una integrazione concreta.
Nell’ occasione della Giornata il Museo ospita nella giornata odierna un gruppo di ragazzi della Residenza “Il Cigno” per una visita guidata con laboratorio didattico.

L’ incontro è stato pensato come lancio delle vere e proprie attività del progetto Archeotouch che inizieranno nel mese di gennaio coinvolgendo in aggiunta anche i Centri Diurni “Il Sole”, “il Samaritano”, “Papa Giovanni XXIII”, “Laboratori e Mestieri” con il coinvolgimento del operatori del Settore Politiche sociali del Comune.

La nuova edizione di Archeotouch sarà incentrata sui “Bronzi di Cartoceto” uno dei gruppi scultorei più importanti rinvenuti nel territorio marchigiano e che in qualche modo, grazie all’esposizione della loro riproduzione sul tetto del Museo Archeologico Nazionale delle Marche, sono diventati un elemento simbolico della città di Ancona.