The Shak & Speares il 25 giugno a Monteprandone

The Shak & SpearesLa band si esibirà in occasione della Festa della Birra

MONTEPRANDONE (AP) – Il 25 giugno a Monteprandone concerto dei The Shak & Speares. La band campana si esibirà in occasione della Festa della Birra e ha programmato altre sei tappe estive. Si parte il 24 giugno da Roma per proseguire, dopo la tappa marchigiana il 26 giugno a Ventimiglia, quindi il 17 luglio a Sarno, il 26 luglio a Vercelli, il 31 luglio a Capo Miseno mentre l’8 agosto saranno a Fara Vicentino. Di seguito riportiamo “Stuck in a bottle” un singolo estratto da “Dramedy”, l’album dei The Shak&Speares uscito il 30 settembre per la FreakHouse (Audioglobe/The Orchard). Si tratta di un video-diario (girato da Michele Pesce) che contiene al suo interno le immagini, i momenti salienti, le persone, i flash, che hanno caratterizzato le fasi di concepimento del disco stesso.

BIO – The Shak & Speares, band folk-rock made in Pompei, nascono nel novembre 2010 nella Marlowe’s House, una generosa stamberga persa nelle campagne vesuviane. Tutti partoriti in casa i fratellini Marlowe, in rapida successione, sparati fuori dall’energia della musica che smuove l’anima. Debuttano come spalla degli Orange e dopo appena due mesi e una dozzina di concerti, il 9 luglio 2011, calcano il main-stage del Neapolis Festival con Skunk Anansie, Mogwai e Architecture In Helsinki. Comincia così la collaborazione con la Freak House Records e con la Happy Mopy Records, collaborazione che porterà alla registrazione, presso il Mono Studio di Milano e con la partnership del SAE Institute, di GAGSTER (Mirko Iapicca e Matteo De Marinis – Artist Pruducer, Head Engineer) primo disco dei The Shak & Speares, missato da Ercole Longobardi (Planet Funk, Nobraino) e masterizzato da Francesco Fontanella. Intanto, a riscaldare l’attesa del loro debut-album (21 gennaio 2013), girano 3 videoclip cui ne seguono altri due subito dopo l’uscita dell’album, tutti prodotti con il videomaker Michele Pesce. Il primo, “Zoolander”, viene lanciato in anteprima nazionale dalla rivista on-line Rolling Stone, gli altri invece guadagnano le esclusive su Rockit, La Repubblica XL e FanPage. L’intenso tour promozionale li vede suonare in tutti i club più cool italiani e partecipare a varie trasmissioni radiotelevisive e ai più importanti festival, quali GiffoniFilmFestival, SISLEY Indipendent Tour, Segnali Rock Fest, Neapolis, MilanoFilmFestival, condividendo il palcoscenico con i Dinosaurs Jr, i Blonde Redhead, il Teatro Degli Orrori, gli Zen Circus, i Management Del Dolore Post-Operatorio, Lo Stato Sociale, la Bandabardò, i Vadoinmessico, gli A Toys Orchestra. A chiudere in bellezza il tour, tre tappe in quel di Londra: al 12 BAR CAFE’, storico club nel quartiere Soho, allo YUCK Indie Club, faro nella notte della giovanissima Uxbridge e allo storico The Water Rats, di spalla a Vic Godard con i suoi Subway Sect (Paul Cook dei Sex Pistols alla batteria) il quale decide di regalare loro una “perla” che i The Shak & Speares pensano bene di includere nel secondo album DRAMEDY, in uscita il 30 Settembre 2014 (biografia tratta dal sito ufficiale della band).