Ancona: asse nord-sud interdetto ai mezzi a due ruote da lunedì 29 giugno

Valeria MancinelliANCONA – “Gli appalti per la sistemazione dell’asse nord-sud sono stati fatti e i lavori partiranno a breve, alla fine di luglio, una buona notizia per la città. Ma nel frattempo, data l’accertata pericolosità di quella arteria, è necessario interdire la circolazione ai mezzi a due ruote, è una questione di responsabilità e sicurezza”. Così il sindaco Valeria Mancinelli (foto) riguardo alla diffusione dell’ordinanza sull’interdizione a ciclomotori e motocicli dell’arteria a quattro corsie che collega il centro con l’area sud di Ancona, una notizia che ha suscitato non poche reazioni.

“Se la giunta – prosegue il sindaco – ha deciso di chiudere l’asse con anticipo rispetto all’inizio dei lavori, il motivo è solo ed esclusivamente la sicurezza di chi circola, per evitare incidenti con probabili gravi conseguenze, trattandosi di una strada ad alto scorrimento di traffico dove spesso si superano i limiti di velocità”.

L’amministrazione è approdata a questa decisione dopo avere valutato la relazione tecnica redatta dall’Ufficio Traffico-Mobilità (precedente all’ultimo grave incidente) che evidenzia la pericolosità del manto stradale per chi lo percorre in moto o scooter e soprattutto dei giunti stradali, una ottantina, che necessitano di rifacimento. Nella relazione si evidenzia la necessità di interdire il passaggio ai mezzi a due ruote fin tanto che non verranno eseguiti i lavori.

“Gli appalti dei lavori per giunti e barriere stradali necessari al risanamento di parte dell’asse sono stati assegnati – rassicura l’assessore alle Manutenzioni, Stefano Foresi – per un totale di 700.000 euro di spesa. In questa fase sono in atto i controlli della documentazione presentata dalle ditte e entro un mese circa pensiamo di potere far partire i cantieri. Siamo consapevoli dei disagi per i proprietari di questa categoria di mezzi, indotti in questa fase a seguire percorsi alternativi, ma non esiste altra soluzione. Come per i lavori di rifacimento della galleria del Risorgimento, si tratta di un atto dovuto, per una questione di sicurezza e incolumità pubblica. Siamo altrettanto consapevoli che anche alcune strade urbane alternative all’asse sono ammalorate ma, quanto meno, i limiti di velocità sono inferiori, e minore pertanto è il rischio di cadere e farsi male”.

In queste ore i tecnici stanno posizionando la segnaletica necessaria agli ingressi e agli snodi dell’asse e solo conclusa questa operazione, allo scoprimento dei cartelli, scatterà l’ordinanza, che entrerà in vigore lunedì 29 giugno alle ore 14,30.