Operazione ‘Scuole sicure’, arrestato per spaccio nigeriano ferito da Traini

72

Carcere prigioneMACERATA – Arrestato dalla polizia per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale il 17 settembre nell’ambito dell’operazione “Scuole sicure”, Gideon Azeke, il nigeriano 27enne ferito con altre cinque persone nel raid razzista di Luca Traini, è stato arrestato questa volta per spaccio di droga su disposizione del gip di Macerata Rosanna Buccini.

A settembre Azeke aveva reagito con violenza agli agenti che volevano sottoporlo a controlli, prendendone due a calci e pugni e ingoiando un involucro forse contenente droga. Aveva poi patteggiato una pena a un anno e 10 mesi, tornando in libertà con obbligo di firma.

Ma le indagini, coordinate dal procuratore Giovanni Giorgio e condotte dalla Squadra Mobile diretta da Maria Raffaella Abbate, hanno accertato numerose cessioni di eroina a partire dall’ottobre 2017. Ferito a una gamba da Traini, Azeke era fuggito dall’ospedale per poi tornare per farsi curare. Ora si trova nel carcere di Montacuto ad Ancona, dove c’è anche Traini, condannato a 12 anni.