Macerata, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali: arrestato un 23enne

I Carabinieri, nell’ambito di controlli antidroga, hanno identificato il giovane,un nigeriano senza fissa dimora, che li ha aggrediti.I due militari hanno riportato lesioni  guaribili in 10 giorni

MACERATA – Nella serata di ieri, 28 settembre, nel centro abitato di Macerata,  nei pressi di Via Roma, militari del Nucleo Investigativo del locale Reparto Operativo, durante un servizio di controllo nell’ambito di attività antidroga, procedevano all’identificazione di un 23enne nigeriano, senza fissa dimora, in possesso di regolare permesso di soggiorno, nullafacente.

Nell’occasione, il cittadino straniero, durante le operazioni di identificazione opponeva resistenza e, incurante dell’obbligo di fornire i propri documenti, aggrediva con estrema violenza i Carabinieri. Dopo una breve colluttazione, il 23enne nigeriano riusciva momentaneamente a divincolarsi e a darsi alla fuga ma i Carabinieri colpiti e feriti anche a morsi, riuscivano, dopo un breve inseguimento a piedi, a raggiungerlo e immobilizzarlo.

Lo stesso veniva, quindi, tratto in arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali e trattenuto all’interno della camera di sicurezza della caserma sede del Comando Provinciale dell’Arma di Macerata, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Nella circostanza, i due militari, visitati dal personale medico del locale Pronto Soccorso hanno riportato lesioni al corpo giudicate guaribili in 10 giorni ciascuno.